Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Rigoni e la replica piccata a Zamparini. Che lo porterà al Genoa

Rigoni e la replica piccata a Zamparini. Che lo porterà al GenoaTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
venerdì 25 dicembre 2015, 11:302015
di Raimondo De Magistris

Rigoni, Maresca e Daprelà. Sono questi i tre giocatori esclusi dal progetto tecnico del Palermo l'indomani dell'eliminazione dei rosanero dalla Coppa Italia. Una scelta che, come spiegato in queste settimane, è dipesa poco o nulla dal campo e che Zamparini aveva messo in preventivo già da un bel po', dall'allontanamento di Iachini che ha spaccato in due lo spogliatoio.
Per ciò che riguarda il centrocampista scuola Vicenza classe '84, galeotta fu una intervista rilasciata meno di un mese fa da Maurizio Zamparini che etichettò l'ex Chievo Verona con parole poco edificanti: "E' vecchio ed è in panchina", il pensiero del numero uno del Palermo al quale Rigoni non mancò di replicare qualche ora dopo: "Farmi dare dell'anziano a 30 anni mi mancava. Bel risveglio stamattina: oltre alla febbre, anche queste dichiarazioni".


Un botta e risposta che ha messo fine all'avventura a Palermo del giocatore di Schio. Da allora Rigoni non ha visto più il campo e lo stesso Ballardini a più riprese ha dichiarato di poter fare a meno di lui. Parole che hanno subito attivato l'entourage del calciatore e porteranno con l'inizio del nuovo anno a un cambio di casacca: ad attenderlo con la riapertura del calciomercato ci sarà il Genoa, squadra con la quale ha raggiunto un accordo valido fino al 30 giugno 2018.