Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Ventura: "Non penso a una big, orgoglioso di guidare il Torino"

Ventura: "Non penso a una big, orgoglioso di guidare il Torino"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/ Image Sport
domenica 22 febbraio 2015, 23:182015
di Raimondo De Magistris

Giampiero Ventura, tecnico del Torino, ai microfoni di Sky ha commentato il pareggio contro la Fiorentina. Al Franchi la partita è finita 1-1: "La gara è finita meritatamente in pareggio, abbiamo ottenuto un punto meritato. Abbiamo concesso poco, Padelli dopo il rigore intercettato non ha fatto grosse parate. Noi, invece, al di là della rete abbiamo avuto quattro-cinque occasioni che potevamo sfruttare meglio. Oggi, comunque, mancavano anche alcuni giocatori e abbiamo tenuto botta a Firenze fino alla fine".

Questo Torino dove può arrivare?
"Noi dobbiamo solo continuare a lavorare in questa direzione. In estate abbiamo perso due giocatori da 40 gol e dovevamo fare una scelta, che è stata quella di puntare su diversi giovani ai quali va data la possibilità di crescere".

Eri preoccupato dall'ingresso di Gilardino e ha fatto subito un assist decisivo.
"Ero preoccupato perché dovevano cambiare le marcature. Salah ha fatto un grande gol, devo fare i complimenti alla Fiorentina che ha acquistato un giocatore molto importante".

Pensi ancora a una big?
"Non penso assolutamente nulla. Sono a Torino e sono orgoglioso di essere qui. Alleno una squadra che ha fatto la storia del calcio e non posso che essere soddisfatto. Poi è chiaro che tra una decina d'anni, quando avrò maggiore esperienza, potrei pensare di mettere le mie idee a disposizione di una nazionale. Anche San Marino andrebbe bene..."