Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Carlo Nesti - I voti del campionato - 7,5 Napoli, 7 Fiorentina, Juventus e Lazio, 6 Milan, 5,5 Roma, 5 Inter e Torino

Carlo Nesti - I voti del campionato - 7,5 Napoli, 7 Fiorentina, Juventus e Lazio, 6 Milan, 5,5 Roma, 5 Inter e TorinoTUTTO mercato WEB
lunedì 25 gennaio 2016, 10:372016
di Carlo Nesti

Il Napoli (7,5) sbriciola i rivali, segnando in trasferta 3 gol a Bergamo, 5 a Frosinone e 4 a Genova, arriva a quota 45 reti, anche senza un Higuain spietato, e vince la quinta gara di fila.

La Juventus (7) è Dybala 1 Roma 0, con l'undicesimo successo consecutivo, reso difficile dallo sbarramento giallorosso, ma reso possibile da un "bambino" entrato in 19 azioni dei 38 gol fatti.

La Fiorentina (7), dopo 2 sconfitte, riprende la marcia, e, nonostante l'assenza simultanea di Badelj e Vecino, lancia Ilicic bomber alla pari con Kalinic: entrambi 10 reti.

Nell'Inter (5), la verità è che, se hai una buona difesa, con un portiere da miracoli, nel momento in cui Handanovic non compie il miracolo, emergono vecchi scompensi mascherati.

La Roma (5,5), lasciando ad altri i "processi" labiali, viene saggiamente corretta da Spalletti, con il 3-4-2-1, ma senza Florenzi, Salah e Dzeko, non può esistere il gioco di rimessa.

Non basta, al Milan (6), un Bacca in grado di realizzare 8 gol su 10 alla prima conclusione, perché, contro avversari organizzati come l'Empoli, emerge la spersonalizzazione generale.

La Lazio (7), quando il Chievo perde Cesar dopo 47 minuti, diventa irresistibile, in quanto gioca ben 53 palloni nell'area altrui, e si affida ad un Candreva, che sa trascinare tutti.

Il Torino (5) dimostra, ancora una volta, che, andato in svantaggio, sarebbe necessario un trequartista per essere più imprevedibile, soprattutto se Belotti-Immobile latitano.

("EDITORIALE" PER RADIO SPORTIVA)