Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Ternana, Panucci: "Convinto dal progetto. Livorno? Ho qualche rimpianto"

Ternana, Panucci: "Convinto dal progetto. Livorno? Ho qualche rimpianto"TUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
lunedì 18 luglio 2016, 13:422016
di Tommaso Maschio

Il tecnico della Ternana Christian Panucci in un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport ha parlato della scelta di sposare il progetto umbro e delle aspettative per il campionato: "Mi ha convinto Larini presentandomi un progetto per migliorare i 53 punti dello scorso anno e fare qualcosa di importante. Partiamo quasi da zero, con una squadra da rifare, ma l'ossatura è buone e mi piace. Mi interessava lavorare in una piazza che ha fame di calcio, è stimolante. Faccio questo lavoro con passione e voglia, sono molto motivato e innamorato di quello che faccio. Livorno? La prima volta avevo lasciato la squadra in zona play-off, la seconda stavamo facendo bene e l'obiettivo era salvarsi. Mi è rimasto il rimpianto per non aver potuto lavorare bene, ho sofferto tantissimo e sono orgoglioso di aver allenato lì, anche se non in maniera serena a causa di una società non stabile. - continua Panucci parlando della stagione che sta per iniziare - Credo che il Verona parta avanti a tutte vista l'ossatura importante che ha.

Il Cagliari lo scorso anno era più forte di quello retrocesso, vediamo che anche il Verona sarà così. Il Cesena sta facendo una buona squadra, ma aspettiamo fine agosto per capire chi potrà essere la sorpresa. Io, Brocchi e Gattuso? Sono felice di rivederli, il Milan è una grande scuola di calcio e di vita, insegna tanto. A noi è servita, ma ora non è più così. Da quando il presidente non è più stato presente e non ha più potuto investire come prima. Il mio Milan resta irripetibile: con noi non giocava il Pallone d'oro Papin".