Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW RADIO - Lumezzane, Furlan: "Sono pronto per giocare anche in Serie B"

TMW RADIO - Lumezzane, Furlan: "Sono pronto per giocare anche in Serie B"TUTTO mercato WEB
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
lunedì 25 luglio 2016, 18:362016
di Luca Esposito

Grande soddisfazione per l'ultima annata appena terminata quella espressa dal portiere Jacopo Furlan (23), nell'ultima stagione in forza al Lumezzane. Difatti l'estremo difensore friulano, intervistato da TMW Radio, ha parlato della possibilità di cimentarsi nella prossima stagione in Serie B, analizzando non solo la Lega Pro ed il suo nuovo format ma anche la sua ultima esperienza con la compagine bresciana: "L'ultima annata è stata fantastica, sia per quanto riguarda il mio rendimento sia l'obiettivo di squadra in quanto è stata raggiunta la salvezza senza passare per i playout, quindi si può dire che è stata un'annata più che positiva".

Sull'interesse del Bordeaux e di compagini di Serie B come Spezia, Pescara, Ascoli e Virtus Entella: "Ci sono stati diversi interessamenti, anche qualche trattativa un po' più avanzata, però finora non si è concretizzato ancora niente, quindi siamo in attesa di novità".

Sulla possibilità di giocare in Serie B: "Sicuramente penso di poter giocare le mie carte. È stata un'annata molto positiva in Lega Pro e penso di aver dimostrato di potermela giocare, se non altro, in cadetteria. Naturalmente ci saranno altre persone che faranno le loro valutazioni, fatto sta che mi sento pronto".

Sulla nuova formula della Lega Pro: "Il format prevede 60 squadre però, effettivamente, i problemi economici che colpiscono le squadre sono purtroppo tanti ed anche quest'anno ci sono state diverse rinunce e fallimenti. La verità sta nel mezzo, ossia si potrebbe cercare di ridurre il numero delle squadre, però per noi calciatori sarebbe peggio, in quanto ci sarebbero meno posti di lavoro. Nonostante ciò, c'è da dire che sarebbe meglio avere meno squadre ma solide, anche per evitare di falsare i campionati con penalizzazioni in corso o fallimenti durante la stagione".

Sul Lumezzane, emblema di piccole realtà che si assestano nei campionati professionistici: "Sì, sono 23 anni che il Lumezzane non retrocede nei dilettanti. Questo è dovuto innanzitutto alla serietà ed alla solidità della proprietà in quanto, senza un certo tipo di lavoro e di serietà da parte di Presidente e dirigenza durante gli anni, non si sarebbe mai arrivati ad un obiettivo del genere, quindi vanno fatti solo i complimenti. Sono contento di aver contribuito negli ultimi due anni, anche in maniera decisiva, a tenere il Lumezzane nel professionismo e a questa piazza va un plauso in quanto si può lavorare tranquillamente e con serietà, non facendo mancare niente a nessuno".

Su Gianluigi Donnarumma, talentuoso portiere del Milan, e sulla regola degli under in Lega Pro: "Donnarumma a mio avviso ha tutte le carte in regola per diventare un fenomeno perché, nonostante la giovanissima età, mi ha sorpreso dalla prima partita, un portiere eccezionale che può solo migliorare e che fa ben sperare per il futuro. Sono d'accordo sull'obbligatorietà degli under anche nella stessa Serie D perché, comunque, a livello di meritocrazia qualcosa si va a perdere".

Sulle probabili compagini protagoniste dei futuri tre gironi di Lega Pro: "Per quanto concerne il girone settentrionale metto alla pari Alessandria e Venezia, il Parma qualora finisse nel girone centrale mentre al meridione credo che quest'annata possa essere quella buona per il Lecce".