Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW RADIO - Novellino: "Napoli, Icardi può sostituire Higuain"

TMW RADIO - Novellino: "Napoli, Icardi può sostituire Higuain"TUTTO mercato WEB
© foto di Carmelo Imbesi/Image Sport
mercoledì 20 luglio 2016, 17:182016
di Marco Frattino

Walter Novellino, ex allenatore - tra le altre - di Napoli, Sampdoria, Torino e Palermo, ha parlato delle sue ex squadre attraverso TMW Radio.

Come valuta Ventura sulla panchina della Nazionale? "È una persona che ha fatto bene, ha grande esperienza. Sono certo che possa fare bene e dare continuità al lavoro di Conte. Sono contento per lui, molto".

Come vede invece il Napoli? "Si sta muovendo sul mercato, forse si muoverà intorno a Higuain. Mi sembra che possa restare, la squadra è già competitiva. Con la permanenza dell'argentino, il Napoli darà continuità all'ottimo lavoro dell'anno scorso. Leggo di offerte di 50 milioni di euro per Koulibaly. E' molto bravo, ma è un difensore. Credo che il club rifletta molto su queste offerte, sono convinto che gran parte di quello che ha fatto il Napoli sia merito di Sarri".

C'è la Juve su Higuain. Può lasciare Napoli anche senza clausola? "Non credo si trovi l'accordo, credo che De Laurentiis abbia fatto delle promesse. E' chiaro che con il pagamento della clausola deve lasciarlo andare. Tuttavia, quello che Higuain sta avendo a Napoli non so se potrebbe averlo altrove".

Si parla di Icardi possibile erede di Higuain al Napoli. "A me piace molto, è un calciatore che ha qualità. È un finalizzatore, vede bene la porta. Il Pipita ha fatto benissimo e gran parte del merito va a Sarri. Il mister è uno tra i pochi allenatori che lavora sul campo. Se Higuain dovesse salutare Napoli, lo farà lasciando un grande ricordo. Icardi può sostituirlo benissimo, alla lunga i calciatori sono bravi ma l'allenatore incide molto. Secondo me Sarri ha inciso molto. Ma sono due attaccanti che vedono bene la porta. Sono certo che anche Icardi, se andasse al Napoli, sfrutterebbe il grande lavoro di Sarri".

Come vede il Milan con Montella? "Credo che possa essere l'uomo giusto per riportare il Milan in alto. È molto bravo con la squadra a disposizione da inizio stagione. Montella è un elemento importante per questo Milan".

Cosa pensa di Mihajlovic al Torino? "Ha carattere, è arrivato in una grossa società. Il Torino è una squadra ben organizzata e attrezzata, ha strutture importanti. Mihajlovic è l'ideale per il Torino, è un uomo da Toro".

I granata al momento possono contare su Falquè, Belotti e Ljajic. "Sono grandi calciatori, hanno qualità e danno profondità alla squadra. Gli ex romanisti sono calciatori importanti, possono fare la differenza".
Giampaolo alla Samp, come lo vede? "Marco è il nuovo Novellino. È molto bravo, può fare meglio di quello che ho fatto io in blucerchiato. Giampaolo è un lavoratore, sa come trasmettere le sue idee alla squadra. Ferrero è una persona simpatica, ha fatto la scelta giusta puntando sull'ex Empoli".

Com'è rapportarsi con Zamparini? "Vuole vincere, non è quello che vogliono fare apparire. Ci sono momenti in cui un presidente deve prendere delle decisioni. Dà tanto e vuole tanto, ma lo vuole subito".

Cosa c'è nel futuro di Novellino? "Sono in giro per vedere allenamenti. Ho voglia di allenare. Ora largo ai giovani, poi forse ci sarà spazio per i meno giovani (ride, ndr)".

I club puntano anche su allenatori giovani, come accaduto per Brocchi e i fratelli Inzaghi. "Un tempo non era così, io avevo dei mostri sacri davanti a me. Per allenare squadre in A ho dovuto vincere in Serie B e C. In Italia il mondo s'è rovesciato, all'estero c'è un mix di tutto. Da noi si fa in fretta ad approdare in Serie A, forse senza meritocrazia. Ma bisogna concedere spazio, all'epoca l'ho avuto io e ora è normale dare spazio ai nuovi allenatori".