Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Tolisso dopo Gonalons: il Napoli ci ricasca e il copione non cambia

Tolisso dopo Gonalons: il Napoli ci ricasca e il copione non cambiaTUTTO mercato WEB
© foto di Lorenzo Di Benedetto
mercoledì 27 luglio 2016, 20:302016
di Raimondo De Magistris

Errare è umano, perseverare è diabolico. Napoli beffato quando tutto sembrava ormai definito. "Corentin Tolisso ha annunciato che non lascerà l'Olympique Lione", ha comunicato questa sera il club transalpino. Una beffa dal retrogusto amaro ma già noto perché sembra di rivivere un copione già andato in scena qualche estate fa.
I club erano gli stessi: Lione da un lato, Napoli dall'altro. Cambiava solo l'attore principale: Maxime Gonalons. Era il 2013, l'anno dell'addio di Edinson Cavani, e il club partenopeo aveva praticamente raggiunto l'accordo con tutte le parti in causa. Poi, a mercato quasi ultimato, ecco il dietrofront: Gonalons resta al Lione.

Il Napoli, non ancora domo, torna alla carica qualche mese dopo: nel gennaio 2014 e anche nell'estate successiva. Anche in questi casi l'illusione di un accordo già raggiunto, anche in questi casi clamorosi dietrofront quando tutti aspettavano la fumata bianca.
Arriviamo al 2016: passano gli anni, ma non cambia l'atteggiamento dell'eccentrico Aulas. Questa volta al centro della trattativa c'era Corentin Tolisso. L'offerta, 30 milioni di più più 7.5 di bonus, era decisamente superiore al valore del centrocampista classe '94, ma questo non è bastato per convincere l'OL. Prima l'accordo praticamente chiuso, poi il comunicato: "Tolisso resta con noi". Trattasi di déjà-vu.