Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Amarildo, O Garoto iridato col Brasile. E lo Scudetto con la Fiorentina

Amarildo, O Garoto iridato col Brasile. E lo Scudetto con la FiorentinaTUTTO mercato WEB
giovedì 29 giugno 2017, 05:002017
di Lorenzo Di Benedetto

Milan, Fiorentina e Roma. Sono queste le squadre italiane di Amarildo, indimenticato campione brasiliano protagonista dell'ultimo scudetto vinto dal club gigliato. Brasiliano di Campos dos Goytacazes, era soprannominato 'O Garoto', il Monello. Arrivato in Italia nel '63 grazie al Milan, in rossonero rimase 4 stagioni prima di passare alla Fiorentina. La sua esperienza in viola fu fortunata e durò 3 stagioni, in una delle quali arrivò come detto l'ultimo successo nazionale del club fiorentino. Quindi la Roma, club con il quale concluse la sua esperienza italiana nel '72. Poi tornò in Brasile, al Vasco da Gama, dove chiuse la carriera nel '74. Dopo alcuni anni intraprese la carriera da allenatore, tornando nuovamente in Italia sulle panchine di Turris e Pontedera. Anche in Nazionale Amarildo ha detto la sua, risultando decisivo come riserva di un certo Pelé nel Mondiale vinto dai verdeoro in Cile nel '62. In carriera ha vinto due campionati carioca, 3 Tornei Inicio do Rio e un torneo Rio-San Paolo, sempre col Botafogo, oltre a una Coppa Italia, un campionato italiano, un campionato brasiliano e il Mondiale del '62. Oggi Amarildo compie 77 anni.

Sono nati oggi anche Junior, Rafinha, Emil Hallfredsson, Ever Banega, Troy Deeney, Gaetano Letizia, Yann M'Vila, Leandro Paredes e Rolando Mandragora.