Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Avellino, Gubitosa: "Non sarò presidente. Resto se c'è programmazione"

Avellino, Gubitosa: "Non sarò presidente. Resto se c'è programmazione"TUTTO mercato WEB
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
martedì 25 aprile 2017, 11:332017
di Ivan Cardia

"Il pareggio con il Cesena ci avvicina alla salvezza anche se la vittoria del Vicenza ha aumentato la media salvezza". Ospite di Prima Tivvù, il presidente onorario dell'Avellino Michele Gubitosa fa il punto della situazione in casa biancoverde, come riportato da tuttoavellino.it: "L'espulsione di Ardemagni ci ha tagliato le gambe anche se devo dire che i giocatori del Cesena hanno giocato di astuzia provocando i nostri. Spero, inoltre, di strappare già domani ad Ascoli la salvezza ma se non ce la dovessimo fare domani sono certo che lo faremo al 'Vigorito' in un derby che io sento in maniera particolare.

Voci sul mio addio? Voglio chiarire che io e la famiglia Taccone siamo in ottimi rapporti. Mai un dissapore con Walter, né con il resto con la famiglia. Posso tranquillamente dire che l'Avellino non sarà mai di Michele Gubitosa presidente. Voglio invece dire che potrà esserci un binomio Taccone-Gubitosa se avrò maggiore spazio all'interno dell'organizzazione. Infine, dico non vado via finché non otterremo la salvezza matematica. Attualmente essendo socio del club posso consigliare al club di allargare a imprenditori avellinesi ad entrare a far parte della famiglia Avellino. Se riesco a convincere il club a salvezza raggiunta con una entrata di aria fresca a far aggiungere forze nuove non ci limiteremo alla serie B. Quest'anno è stato una annata dove io mi sono dovuto arrendere perché c'era troppo mare in tempesta. Mi sono reso conto che in tanti non volevano venire a giocare qui perché ci davano già per retrocessi. Posso dire alla piazza che a livello di immagine e serietà il massimo impegno. Nel momento in cui supereremo un anno del genere e si calma il mare dobbiamo fare una programmazione importante è decisa sin da subito. Con un pizzico di investimento e volontà in più faremo grandi cose. Se tutti insieme faremo questo, resto è sarò pronto a fare altri sacrifici. Se non riesco in questo intento lascio e l'Avellino resta in buone mani. Resta alla famiglia Taccone che l'ha portata nel calcio che conta. Tutta la squadra deve darsi una sgrassata ma c'è bisogno di una programmazione. Se c'è tutto questo Gubitosa resta".