Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Capello: “Juve, il Monaco non è forte in difesa ma ha qualità in attacco”

Capello: “Juve, il Monaco non è forte in difesa ma ha qualità in attacco”TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
sabato 22 aprile 2017, 13:122017
di Marco Frattino

Fabio Capello, ex allenatore di Milan, Juventus e Roma, ha parlato a Radio Deejay affrontando diversi argomenti.

Secondo Capello, è stato più complesso subentrare a Sacchi o per Allegri subentrare a Conte? “Per me fu molto facile, ritenevo quella squadra ancora fortissima. A Berlusconi era stata fatta la proposta di cambiare quattro calciatori, io feci il discorso che non c’erano elementi più forti di quei quattro. Per Allegri il momento era diverso, io presi un Milan che dominava a livello mondiale mentre Max ha ereditato una Juve che vinceva in Italia. Ci sono state, però, analogie. Conte voleva un mercato diverso”.

Come ha visto la Juventus a Barcellona? “Mi è piaciuta, ha saputo soffrire. Ha grande umiltà e grande attenzione, questa è una grande dote. Il Barcellona in genere arriva spesso in area per calciare, mentre i catalani hanno dovuto provarci dal limite oppure da fuori area. Buffon non ha fatto una parata. Devo dire, però, che non avevo mai visto il Barcellona rientrare così presto in difesa (ride, ndr)”

La Juve ha pescato il Monaco per le semifinali di Champions. “Ho visto l’Atletico Madrid dieci giorni fa contro il Real Madrid, è stato fortunato in diverse occasioni. Ha un grande portiere, sa soffrire e ha grande umiltà. Il Monaco è una sorpresa, mi sembra di ricordare l’Ajax quando iniziò con i giovani. Gioca un calcio spumeggiante, la squadra in difesa non sono forti ma in attacco c’è qualità”.

Cosa ne pensi del nuovo corso del Milan? “Non penso, aspetto di vedere cosa capita”.

Chi sulla panchina della Roma per il dopo Spalletti? “Per prendere questa decisione, bisogna capire cosa accade nel club. Il fatto che abbiano preso qualcuno che conosca poco Roma (Monchi, ndr), rappresenta un bell’esame”.