Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Chelsea, Conte: "Premier straordinaria, ma non rinnego il mio passato"

Chelsea, Conte: "Premier straordinaria, ma non rinnego il mio passato"TUTTO mercato WEB
© foto di Imago/Image Sport
martedì 25 aprile 2017, 23:132017
di Mattia Zangari
Risultato finale: Chelsea-Southampton 4-2

Altro passo importante verso la conquista del titolo per il Chelsea, stasera vittorioso a Stamford Bridge per 4-2 sul Southampton. Una soddisfazione per Antonio Conte, che ai microfoni di Sky Sport legge così l'allungo a +7 sul Tottenham: "Oggi inevitabilmente il pallone pesava molto. Sapevamo che avremmo affrontato un'ottima squadra, con la testa libera e dieci giorni di riposo nella gambe: per questi motivo temevo questa partita. Per noi è stato un grande sforzo e un ottimo risultato, ora dobbiamo tenere la testa bassa e pedalare per le ultime 5 giornate. Ogni giorno - ha continuato il manager italiano - ripeto ai ragazzi che stiamo facendo una stagione straordinaria, questo ci deve dare entusiasmo per continuare a fare bene".

Conte, infine, chiarisce anche la dichiarazione rilasciata ai media inglesi nella quale sosteneva che l'eventuale vittoria della Premier con il Chelsea sarebbe la più grande impresa realizzata da quando è allenatore: "E' la mia prima stagione nel campionato inglese, e sperare di vincere qualcosa al primo anno è qualcosa di straordinario. Sicuramente è un impegno notevole, detto questo il mio passato non si cancella e rimango sempre orgoglioso di quello che ho fatto, soprattuto con la Juve dove abbiamo costruito qualcosa di importante dopo due settimi posti. Ora i bianconeri stanno dove devono stare".