Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Ds Reggiana: "Sorpreso dalla chiamata. Vogliamo mantenerci in alto"

Ds Reggiana: "Sorpreso dalla chiamata. Vogliamo mantenerci in alto"TUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Papini/Image Sport
giovedì 22 giugno 2017, 21:392017
di Tommaso Maschio

Il neo direttore sportivo della Reggiana Doriano Tosi ha parlato in conferenza stampa del suo nuovo ruolo in Emilia e degli obiettivi del club per la prossima stagione: “Sono un un ambiente che conosco da tempo e per me si tratta di una bella meta e di un obiettivo a cui puntavo, ma non pensavo francamente di raggiungere. Il calcio invece riserva delle sorprese, viene apprezzato il lavoro, la professionalità e l'onesta e questo fa molto piacere. Ora cominciano le responsabilità, la Reggiana viene da una stagione di risultati bellissimi con un traguardo importante raggiunto e ora dobbiamo mantenere alto il livello e lo faremo senza dimenticare gli equilibri economico-finanziari delle società di Lega Pro. Qui c'è uno zoccolo duro che ha fatto bene e cercheremo di ripartire da questo e lavorarci su anche se non escludo che qualcuno vada via e altri arrivino, ma l'ossatura c'è e sarà la base di partenza.

Non mi preoccupa essere un po' sparito negli ultimi anni, ma ho seguito molto sia la Serie D sia la Lega Pro, credo che con l'esperienza si possa ancora fare ottime cose e non subire la pressione che magari colleghi più giovani subiscono. - continua Tosi come riporta tuttoreggiana.com - Questa società non può partecipare a cuor leggero alla Serie C e la mira deve essere quella di puntare in alto, però qui non si può operare come hanno fatto Parma o Venezia perché il budget è diverso. Il percorso di Benevento e SPAL invece è un esempio da seguire”.