Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo?

Ferragosto con la Serie A? Favorevole... Milan, ansia da closing! Conte-Neymar, la verità! Totti, ci siamo?TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
mercoledì 29 marzo 2017, 00:002017
di Fabrizio Ponciroli

Settimana all’insegna delle polemiche… Tutti a lamentarsi, tutti a discutere, tutti a parlare (spesso inutilmente). Perché? Forse la pausa per la Nazionale o, forse, non possiamo proprio farne a meno delle polemiche… Non ne parlo, come al solito mi interessa soffermarmi su altro. Primo spunto: inizio della Serie A 2017/18 anticipato al 13 agosto? Ma speriamo… Qualcuno mi ha “insultato”, ricordandomi che l’agosto è sacro, che le famiglie sono in vacanza che, a Ferragosto, si fa altro… Non sono affatto d’accordo. Il calcio è la nostra più grande passione, perché non giovarne quando si ha, magari, più tempo libero e il caldo è una dolce compagnia? Sempre meglio vedersi un Inter-Lazio il 13 agosto che un Inter-Lazio il 6 gennaio a -10 gradi… E, inoltre, chi l’ha detto che la gente va tutta in vacanza ad agosto? In tanti non ci vanno neppure, altri puntano su altri periodi e, in generale, a chi importa? Sono certo che ci sarebbero più tifosi a vedere Inter-Lazio, a San Siro, il 13 agosto che il 6 gennaio… Aggiungo: non anticipiamo solo per questioni legate al Mondiale (ricordo che bisogna ancora qualificarsi), pensiamola come regola per il futuro… E le tournée estive che portano tanti soldi ai top club europei? Ecco, questo è un problema ma sicuramente non per noi tifosi…
Passiamo, con un gran balco, alla famosa telenovela “closing sì o closing no?”… Pare che, in fondo al tunnel, ci sia una luce (fioca). Il 14 aprile il mondo, rossonero, verrà stravolto. Padroni nuovi, soldi freschi, idee chiare. Se solo una di queste tre possibilità diventerà certezza, direi che sarebbe già un gran risultato. Mi viene chiesto: “Cosa accadrà se dovesse saltare tutto?”. Semplice, il Milan si ridimensionerà enormemente. Farà una squadra di tanti, tantissimi giovani e metterà sul mercato i suoi pezzi pregiati per colmare parte del debito.

Un Milan “in stile Atalanta” e non è detto che sia un male… Mi viene chiesto: “Cosa accadrà se il closing si farà?” Impossibile rispondere, almeno fino a quando non capiremo chi sarà alla guida del Milan e con che prospettive… Un fatto è certo: i nuovi proprietari stanno, giorno dopo giorno, perdendo sempre più credito tra i tifosi del Diavolo… Per recuperare la fiducia, servirà tanto impegno e, non ci sono dubbi, una montagna di milioni…
Piccolo inframezzo divertente… Ho indagato sulla questione Conte-Neymar, parlando con un paio di colleghi inglesi… Ricordo ai naviganti quanto è stato “svelato” sul “caso Neymar”. Più o meno sarebbe andata così: Abramovich, patron del Chelsea, convoca Conte e gli propone Neymar. Il buon Antonio risponde che non lo vuole… Ragazzi, per l’amor dell’Altissimo, direi di andarci piano con queste “invenzioni” perché di questo si tratta. Sfido a trovare un solo allenatore sul globo terrestre che, davanti alla possibilità di avere Neymar, fuoriclasse assoluto del Barcellona e del Brasile, a rifiutare… Come è andata veramente? Abramovich, mi confidano i colleghi, vorrebbe tanto prendere Neymar ma il Barcellona non si sente… Tutto qua.
Chiudo con Francesco Mito Totti. Ben 24 anni, e un giorno fa, Totti faceva il suo esordio in Serie A. Io adoro le leggende, mi piace chi va oltre l’impossibile e l’ignoto (infatti amo Star Trek) ma, probabilmente, è tempo che Francesco cominci a fare due conti e capire che cosa vuole fare da grande. “Rinnovo? E perché se poi non gioco?”, le sue ultime parole (a Canale 5) a riguardo… Nessuno deve dare consigli ad una leggenda, soprattutto se parliamo di Francesco Totti, quindi mi limito ad una domanda: Francesco, ci siamo? E’ arrivato il momento di dire basta? Ci piacerebbe saperlo per preparare, al meglio, la tua eventuale uscita di scena. Un mito merita un addio a cinque stelle extra lusso…