Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

In questo Milan c’è spazio per tutti, col Genoa la decide Mati

In questo Milan c’è spazio per tutti, col Genoa la decide MatiTUTTO mercato WEB
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
domenica 19 marzo 2017, 08:152017
di Antonio Vitiello

E’ un Milan coeso, forte dal punto di vista del gruppo e dello spogliatoio. Non importa quanti titolari ci sono fuori per infortunio, e nemmeno se il giudice sportivo ha appiedato contemporaneamente Bacca, Romagnoli e Sosa, chi entra a sostituirli fa sempre la sua parte. Montella ha avuto il merito di coinvolgere tutti i membri della rosa, tutti fanno la loro parte, c’è spazio per qualsiasi interprete, basta impegnarsi e dimostrarlo. E’ capitato anche ieri sera a San Siro contro il Genoa, con Mati Fernandez che per una sera ha vestito i panni dell’eroe.

E’ suo il gol decisivo che regala al Milan il sesto posto momentaneo a due punti di distacco dall’Inter. Una serata tutto sommato tranquilla in cui in Genoa ha fatto pochissimo per impensierire Donnarumma. Fernandez non segnava da 391 giorni, e ha trovato proprio il momento propizio per la sua prima affermazione in rossonero, lui che ha avuto tantissimi problemi fisici e ha sofferto in silenzio per tutta la stagione. L’ex viola è solamente alla sesta presenza fino ad oggi in serie A con il Milan ma il gol di ieri è stato di vitale importanza. Oltre alla rete stupenda, segnata con un tocco sotto mentre Lamanna era in uscita bassa, ha disputato una gara di grande personalità, uscendo tra gli applausi dei 35 mila di San Siro.

Il Milan di Montella è una squadra tosta da affrontare, ne sa qualcosa anche la capolista Juventus che in questa stagione ha perso due volte, e recentemente ha rischiato di pareggiare in casa prima di avere un rigore dubbio all’ultimo secondo. Il gruppo di Montella ha saputo reagire con il Genoa e ora si affaccia alla sosta con maggiore serenità, con 53 punti in classifica e con la prospettiva di giocarsela fino all’ultima giornata considerando il calendario favorevole. Saranno decisivi gli scontri diretti con Inter e Atalanta.