Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juve, la verità su Alex Sandro! Milan-Donnarumma-Raiola, chi ha vinto? Inter-Napoli-Genoa, che intreccio… Chi è Karsdorp?

Juve, la verità su Alex Sandro! Milan-Donnarumma-Raiola, chi ha vinto? Inter-Napoli-Genoa, che intreccio… Chi è Karsdorp?TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
mercoledì 28 giugno 2017, 00:002017
di Fabrizio Ponciroli

C’è tensione tra il popolo bianconero. C’è preoccupazione per le tante, troppe voci di mercato che riguardano, principalmente, Bonucci e Alex Sandro, due colonne della banda di Allegri. Andranno davvero via durante questa afosa estate? Facciamo chiarezza… Bonucci non si muoverà da Torino! Si sente il Re della difesa, il condottiero bianconero. Complicato “spostarlo” in un’altra realtà. Purtroppo, la situazione Alex Sandro è ben più articolata. Fonti vicine al giocatore. mi hanno informato come la moglie del brasiliano, Natalia, da quando è diventata mamma (lo scorso ottobre), senta la mancanza della famiglia. Torino le starebbe stretta… Un malumore che, unito alla proposta allettante del Chelsea, starebbe portando Alex Sandro a fare le valigie… La Juventus, a differenza dell’affare Pogba, sta davvero facendo muro. Non vuole perdere quello che, a detta di molti (me compreso), è uno dei migliori esterni al mondo, forse il migliore, considerando età (26 anni) e margini di miglioramento (amplissimi). Ma vale la pena tenere un giocatore che vuole lasciarsi Torino alle spalle? Purtroppo no… E allora, che fare? Semplice, monetizzare il più possibile e sperare di trovare un nuovo Alex Sandro in circolazione… Sarà, probabilmente, la vera, grande sfida di Marotta e soci in questa calda estate…
Calda estate anche per il trio Milan (nelle persone di Fassone e Mirabelli), Donnarumma e Raiola. Un triangolo simile a quello delle Bermuda con “pezzi di storia” che, d’improvviso, spariscono per poi riemergere senza preavviso. Dopo lo tsunami di qualche giorno fa, pare essere tornato il sereno.

Gigio è pronto a sedersi nuovamente al tavolo del Diavolo, con Mino a fare da “timoniere”. La missione? Arrivare alla terra promessa, il tanto agognato rinnovo di contratto. Poi festa grande per tutti, o forse no? Nel caso, più che probabile, di rinnovo contrattuale, chi avrà davvero vinto in questa insensata querelle dai mille risvolti psicologici? Il Milan (Fassone e Mirabelli) hanno sempre voluto Donnarumma, Donnarumma ha sempre voluto il Milan, Raiola ha sempre voluto il bene di Donnarumma. Allora mi chiedo? Perché tutte queste parole, hackerate o meno? Se tutti volevano la stessa, identica cosa, perché tutto questo putiferio? Qui mi sorge il dubbio amletico: e se il nuovo rinnovo fosse “particolare” con clausola nota solo ai protagonisti del giallo dell’estate? Una clausola che, tra un anno o forse due, potrebbe apparire tutta d’un tratto… Raiola è geniale in questo, non è il tipo che si accontenta di un pareggio…
Geniale è pure l’intreccio di portieri che riguarda Inter, Napoli e Genoa. Con Donnarumma riposizionato tra i pali rossoneri (salvo imprevisti), Perin (sedotto e poi abbandonato dal Diavolo) potrebbe finire all’Inter. Perché? Semplice, Handanovic, 33 anni a luglio, ha voglia della musichetta della Champions League che potrebbe, preliminari permettendo, trovare a Napoli (con Reina fuori dai giochi). Non male…
Chiudo con Rick Karsdorp, nuovo esterno di difesa della Roma di Di Francesco. L’età è dalla sua parte (22 anni), proviene da un campionato di non eccelso valore qualitativo (Eredivisie) ma ha fisico e corsa. Può, nella necessità, giocare anche a centrocampo e, in fase propositiva, ha mostrato buone intuizioni. Una scommessa “alla Mochi”, proprio come Hector Moreno. I tifosi giallorosso si auguravano nomi eclatanti ma, a volte, i giocatori semi-sconosciuti diventano delle gradite sorprese. Fiducia all’operato di Monchi…