Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juventus, Allegri: "Spetta a Tavecchio decidere se dimettersi"

Juventus, Allegri: "Spetta a Tavecchio decidere se dimettersi"
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
domenica 19 novembre 2017, 18:002017
di Luca Chiarini

Massimiliano Allegri è intervenuto ai microfoni di Rai Sport dopo il tonfo esterno sul campo della Sampdoria: "Oggi è difficile spiegare questa partita, la squadra ha creato molto, ci siamo trovati sotto dopo un'azione confusa. Dopo il raddoppio ci siamo disuniti, la gara di oggi dimostra che le partite si possono ribaltare sempre, soprattutto la Juventus che ha qualità. Il Napoli sta facendo un campionato straordinario, siamo a due punti da loro con due rigori sbagliati al novantacinquesimo. Perdere oggi non ci stava, dobbiamo ricercare le cause di questa sconfitta. Mercoledì abbiamo una gara importante contro il Barcellona, poi ci saranno gli scontri diretti e ci faremo trovare pronti".

"Quest'anno non siamo la difesa migliore, il campionato è lungo e potremo rifarci. Abbiamo subito più di un gol a partita in trasferta, solo a Sassuolo ne abbiamo preso uno, poi sempre due o tre, così non va bene. La Sampdoria sta facendo un ottimo campionato e si merita i punti che ha. Il calcio a volte ti dà e altre ti toglie, abbiamo avuto diverse chance, quando non segni e sei sotto diventa difficile pareggiare. Abbiamo l'opportunità di entrare in condizione adesso che sono finite le soste per le nazionali, dobbiamo concentrarci sui nostri obiettivi".

"Se vinci sei bravo, se perdi... ditelo voi. Oggi la squadra ha creato molto, abbiamo subito tre gol su quattro tiri. La fase difensiva nel primo tempo è stata ottima, loro non si sono mai avvicinati alla nostra area. Tavecchio? Non so cosa voglia fare l'Associazione Italiana Allenatori, ne parlerò con il presidente e cercherò di capire cosa vuole fare per il bene del calcio. È responsabilità di Tavecchio decidere se dimettersi o no, oggi c'è un consiglio direttivo e stasera sapremo come orientarci. Voglio proseguire con la Juventus, costruire la squadra per il futuro e vincere titoli. Non ho ancora la testa per andare in Nazionale, quello del c.t. è l'ultimo dei problemi della Federazione. Dovranno strutturare l'Italia come un club".