Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Kakà si, Kakà no: dipende tutto da lui. Ma per quale ruolo nel Milan?

Kakà si, Kakà no: dipende tutto da lui. Ma per quale ruolo nel Milan?TUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
mercoledì 22 novembre 2017, 14:152017
di Raimondo De Magistris

Ricardo Kakà è stato uno degli ultimi grandi protagonisti di un Milan che non c'è più. Di un Milan vincente, in Italia e in Europa, che incuteva rispetto a conquistava vittorie perché aveva nomi, esperienza e talento. Proprio come quello del brasiliano. Negli occhi di tutti i tifosi rossoneri c'è ancora la splendida serata dell'Old Trafford, in cui la stella del brasiliano brillò più forte di quella di Cristiano Ronaldo. Una splendida doppietta e poi il gol nella sfida di ritorno. Per accedere a quella finale contro il Liverpool che segnò una delle rivincite più belle della storia del calcio, ma anche la fine del ciclo.
Adesso, faticosamente, il Milan sta provando a tornare ai fasti di un tempo.

E per farlo potrebbe affidarsi anche all'aiuto e ai consigli di Ricardo Kakà, che è a Milano da qualche giorno e nelle prossime ore incontrerà la dirigenza rossonera.
Nelle idee di Fassone e Mirabelli c'è quella di ritagliare uno spazio al brasiliano nell'organigramma rossonero. Le idee di Kakà, invece, sono un po' più confuse perché in una recente intervista ha detto di sentirsi ancora calciatore e che, dopo l'addio a Orlando, non ha ancora le idee ben chiare.
Difficile dire adesso quale ruolo possa eventualmente ritagliarsi Kakà. Se uno spazio operativo - al fianco di Mirabelli, magari con sguardo attento sul suo Brasile - o più rappresentativo. Però c'è la voglia da ambo le parti di tendersi la mano, anche per ridare entusiasmo a una piazza che si aspettava ben altro inizio di stagione.