Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Maradona: “Fisco? Problemi non causati da me. Droga il più grande errore”

Maradona: “Fisco? Problemi non causati da me. Droga il più grande errore”
venerdì 27 gennaio 2017, 13:572017
di Marco Frattino

Genio e sregolatezza. Diego Armando Maradona si confessa attraverso Canale 5, parlando dei suoi problemi con la droga e con il Fisco italiano.

Come va coi problemi del fisco? “Gli altri mi facevano il contratto, non io. Quando arrivo in Italia - riporta Tuttonapoli.net - mi tolgono di tutto ma Ferlaino cammina tranquillamente per Napoli, l’ho visto e non capisco perché. Anche Alemao e Careca avevano lo stesso problema perché avevano firmato col Napoli lo stesso contratto ma se la prendono solo con me, se qualcuno mi spiega il motivo mi fa un piacere così risolviamo tutto. Ora stiamo parlando con Equitalia, è impossibile che io, dopo aver lasciato la vita a Napoli, non posso fare più niente in Italia”. 

A che età ha iniziato con la droga? “Avevo 24 anni quando ho iniziato con la droga. Ero a Barcellona. È stato l’errore più grande che ho fatto nella mia vita. Mia figlia mi chiedeva di vivere per lei quando ero in coma. Ringrazio Dio perché mi ha svegliato, perché ha ascoltato mia figlia”.
Che ricordi ha delle sue notti brave con la camorra? “Uscivo di notte, questa gente mi faceva tante foto ma io non potevo chiedere il numero o il documento o il passaporto per fare una fotografia. Io la facevo, dopo uscivo sui giornali coi camorristi. Io non ho mai chiesto nulla alla camorra. Loro mi assicuravano che nessuno avrebbe mai toccato i miei figli ed è stato così, me lo promise Carmine Giuliano, l’unico con cui ho parlato”. 

E' stato el Pibe de Oro... non potrebbe essere anche "d'oro" con i suoi nipoti? "Sì, ma voglio presto un sesto perché mi piacciono i numeri pari (ride, ndr). Magari un giorno mi sveglio e dico voglio anche un sesto figlio...". 

Lei è stato un padre assente o bravo? "Sono stato assente perché ho lavorato tutta la mia vita, anche da malato ho continuato a lavorare. Oggi, però, i miei figli possono dire che sono un papà bravo".

Più grande il problema di donne, soldi o droga? "Il problema più grande è quello della droga. La droga ammazza. Ho avuto una fortuna troppo grande per essere qui parlando con lei. Se avessi continuato sarei morto senza dubbio. Da 13 anni non prendo più nulla ed è bello".