Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Matera, Auteri: "Abbiamo fatto la partita giusta, ma con errori"

Matera, Auteri: "Abbiamo fatto la partita giusta, ma con errori"TUTTO mercato WEB
© foto di Emanuele Taccardi/TuttoMatera.com
domenica 29 gennaio 2017, 17:122017
di Alessandra Stefanelli

Il tecnico del Matera Gaetano Auteri ha commentato così la vittoria sulla Vibonese: “Avere atteggiamento significa capire che partite facili non ce ne sono - riporta il sito ufficiale del club -. Abbiamo fatto la partita giusta sbagliando qualcosina di troppo, l’atteggiamento non è stato giusto in alcuni momenti. Qualcuno dal punto di vista fisico non era al top, non si ritrovano subito i ritmi di campionato. Se poi pensiamo che noi non dobbiamo soffrire siamo fuori tema, non lo dobbiamo pensare minimamente. Le vittorie sofferte sono belle, dobbiamo imparare a lottare, non possiamo mica fare sempre un gioco spettacolare. Abbiamo cercato di prendere da subito il controllo della partita, le critiche le accetto anche ma questa squadra ha fatto la partita giusta contro l’avversario buono. Nel girone di ritorno le cose cambiano, le squadre cambiano allenatori, giocatori, cambiano atteggiamento, il Matera ha avuto meno intensità. Un tiro in porta non l’abbiamo mai preso, abbiamo avuto anche le possibilità per chiuderla la partita, poi subentra un po’ di ansia ma anche questa va gestita. Ripeto, ci sta di gestire e soffrire, sono squadre della nostra stessa categoria quelle che incontriamo, quindi non dobbiamo rimanere sbalorditi se vinciamo di misura.

Campilongo ha fatto giocare ai suoi una partita ordinata, ci ha fatto soffrire. La nostra vittoria assume un significato importante, qualche prestazione un po’ al di sotto ci sta, forse non avevamo abituato i nostri tifosi a questi ritmi ma ora è normale. Se avessimo giocato prima di stasera questa partita l’avremmo pareggiata. Non giochiamo da soli, non possiamo fare sempre il nostro gioco, sia chiaro che ci sono anche gli avversari. Dobbiamo imparare a saper soffrire, lo ribadisco. Poi siamo stati i soliti in fase di costruzione, non abbiamo concretizzato e loro non avevano nulla da perdere. C’è anche il gioco psicologico che poteva rientrare in gioco. Se creeremo pressione al Lecce? A queste cose non ci credo, noi potevamo subire la pressione di non chiudere partite come quella di stasera, ma agli altri non penso. Il gioco del calcio è questo, noi ci dobbiamo abituare”.