Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Ounas tra nuovo Menez e alter ego di Insigne: Sarri ha un talento da svezzare

Ounas tra nuovo Menez e alter ego di Insigne: Sarri ha un talento da svezzareTUTTO mercato WEB
giovedì 29 giugno 2017, 08:002017
di Marco Frattino

Un elemento di grande prospettiva. Adam Ounas è virtualmente un nuovo calciatore del Napoli, in attesa delle visite mediche che saranno sostenute tra domani e lunedì. Quella partenopea rappresenta una grande occasione per il talento franco-algerino, ormai in uscita da Bordeaux dove negli ultimi tempi non ha trovato grande spazio. Con la speranza, invece, di crescere e di giocare con grande continuità all'ombra del Vesuvio, dove potrà rappresentare la naturale alternativa a Lorenzo Insigne e, all'occorrenza, prendere il posto di Josè Callejon.

Ma il ds Cristiano Giuntoli e il tecnico Maurizio Sarri sono stati convinti, oltre che dalle doti tecniche, anche dalla duttilità del talentuoso classe '96 che può giocare anche da seconda punta. Un rinforzo prezioso per la causa azzurra e per il 4-3-3 di Sarri, pronto ad allenare Ounas fin dal raduno di lunedì a Castel Volturno e poi nelle tre settimane di ritiro a Dimaro Folgarida. In attesa dei prossimi colpi, che rispondono ai nomi di Mario Rui per sistemare la corsia mancina della difesa e di un portiere da affiancare a - o prendere il posto di - Reina oltre puntellare la corsia destra con Alex Berenguer dell'Osasuna.

Intanto c'è chi paragona Ounas al 'primo' Jeremy Menez, con Sarri che darà la sua impronta tattica al classe '96 fin dai primi allenamenti partenopei. Crescendo, magari, proprio come Insigne, che - dal ritorno nel 2012 a Napoli - è migliorato tantissimo nel gioco di squadra e in fase difensiva. Con Benitez prima, con Sarri poi. Il tecnico nato a Bagnoli è pronto a valorizzare il nuovo talento pronto a sbarcare in azzurro.