Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Padova, Bisoli: "Piazza importantissima. Belle sensazioni con Zamuner"

Padova, Bisoli: "Piazza importantissima. Belle sensazioni con Zamuner"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico Gaetano
lunedì 26 giugno 2017, 13:482017
di Luca Bargellini

Giornata di presentazione ufficiale in casa Padova per il nuovo tecnico dei biancoscudati Pierpaolo Bisoli. Ecco le sue parole riportate dal sito ufficiale del club: “Sono molto felice di essere qua oggi, per me venire a Padova era un’opportunità importante e speravo di chiudere l’accordo! Questa è una piazza importantissima, e so che voi siete esigenti ma remando tutti dalla stessa parte otterremo i risultati sperati! Abbiamo degli obiettivi, e ho un’idea: agli allenamenti non bisogna venire per timbrare il cartellino, ma per onorare il proprio lavoro e la gloriosa maglia che si indossa! All’inizio il lavoro sarà duro, vedrete… Lo staff? L’ho cambiato completamente, col mister Groppi avevamo un rapporto consolidato di vecchia data e avevo bisogno di qualcuno che portasse tecnologia ed entusiasmo! Col preparatore atletico Chiodi ho già lavorato per due anni conquistando due promozioni, e questo cambiamento di staff gioverà anche a me… Ripetere quanto ho fatto a Cesena? Non posso promettervi di vincere il campionato, ma posso promettervi che i giocatori usciranno stremati dal campo in ogni partita ed allenamento, questo lo posso assicurare! Oggi parte un nuovo ciclo… Sono sceso in Lega Pro in primis perché è una piazza importantissima, e secondo perché mi fido molto delle sensazioni e con Bonetto e Zamuner mi sono subito sentito a mio agio! Per me scendere di categoria non è un problema, anzi sono convinto che mi possa servire… Io vorrei ripetere quanto fatto altrove, ma ci vuole pazienza perché i miei metodi di lavoro sono differenti da quelli di molti altri… Per vincere le partite ci vogliono più attributi, gamba e carattere che talento, ne sono convinto! Io ho visto la rosa del Padova ed è importante, ma chi rimane qua deve sapere che deve sudarsi e guadagnarsi il posto dal martedì perché in campo ci vanno i giocatori, non le carte d’identità… Se un ragazzo del ’98 fa meglio di uno esperto per me gioca il ragazzo del ’98! Il bene del Padova è più importante di quello del singolo giocatore… Controllare i giocatori fuori dal campo? Ho già due figli a casa, non voglio averne altri 24 qua… Anche perché tanto me ne accorgo in campo se fanno la “bella vita”. E comunque ci sono delle regole date dalla società che vanno rispettate. Non posso pretendere di avere 24 preti, ma chi vuol vivacchiare con me ha sbagliato. Anzi, chi vuole farlo chieda subito la cessione a Zamuner! Il modulo? Parto dal 4-3-1-2, ma ve lo dico subito: abituatevi ai cambiamenti.

Di cosa ha bisogno questa squadra? Di mentalità e cattiveria, perché quella dell’anno scorso era una bella squadra. Bisogna capire che si può vincere giocando anche male, perché i campionati si possono vincere anche non essendo per forza belli da vedere. Cosa mi ha dato il ‘la’ per venire a Padova? Perché Zamuner ed Edoardo Bonetto si sono fatti 400 chilometri per raggiungermi a Lerici dov’ero in vacanza per parlare con me, e lì ho capito che questa società vuole fare le cose sul serio. Ma con pazienza, per questo mi hanno dato due anni… Madonna? È confermatissimo. Io farò pochi allenamenti a porte chiuse! E lavorerò 24 ore per il Padova…”.