Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Parolo: "Questa squadra può entrare nella storia della Lazio"

Parolo: "Questa squadra può entrare nella storia della Lazio"TUTTO mercato WEB
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
domenica 30 aprile 2017, 21:152017
di Alessandra Stefanelli

Marco Parolo ha parlato in zona mista dopo la vittoria della sua Lazio nel derby contro la Roma: "Ho visto una squadra consapevole dei propri mezzi e con fiducia dopo la partita di Coppa Italia. La squadra è cresciuta, è tutto molto bello. Penso sia l'inizio di un ciclo, ci sono giovani, c'è un grande mister, c'è l'ambiente ricompattato. Ci sono tutti gli elementi. Keita? E' forte, gioca con voglia di lottare. E' un campione. Noi ci abbiamo parlato, e ha cambiato testa. Ha cambiato anche un po' ruolo. Spetterà a lui e alla società decidere il futuro. Giocatori come lui sono forti e fanno la differenza, ma dipende anche dall'atteggiamento. L'intervallo? Siamo partiti con la voglia di ripartire forte, di andare a riprenderci quello che c'era stato tolto. Siamo stati bravi a rimetterci in carreggiata e a chiudere gli spazi.

E' una squadra che ha capito come si affrontano i derby. Questa squadra penso possa entrare nella storia della Lazio, perché è una squadra importante. Orsato? Può sbagliare, è umano. Quando vinci poi è facile parlare così. Se avessimo perso l'avremmo persa per i 90 minuti, non per quel rigore. Vogliamo fare più punti possibile e continuare a vincere. Differenza con la Roma? Questa Lazio ha dimostrato di avere più voglia di crederci, più umiltà. Abbiamo sempre rispettato i giocatori, non crediamo di essere più forti. Ma rispetto senza temere nessuno. Finale di Coppa? Ormai questa squadra ha dimostrato di avere nel dna il giusto atteggiamento". lo riporta LaLaziosiamonoi.it.