Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Quanto vale (adesso) Alex Sandro?

Quanto vale (adesso) Alex Sandro? TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 30 novembre 2017, 12:452017
di Raimondo De Magistris

E' tempo di grandi riflessioni in casa Juventus. Se, da un lato la squadra sta preparando la gara più delicata e importante di questa prima parte stagione, dall'altro la società proprio prendendo spunto da questo avvio di stagione sta facendo valutazioni profonde e attente sul valore di alcuni singoli.

Inevitabile dare ancora del tempo a chi, arrivato questa estate, deve ancora adattarsi al nuovo allenatore e ambientarsi nel nuovo contesto. Impossibile invece non prendere delle decisioni su chi da mesi bussa alla porta e chiede un rinnovo di contratto a cifre da top player.
Quest'ultimo è il caso di Alex Sandro, laterale che in estate è stato oggetto del desiderio di tanti club europei. Soprattutto del Chelsea, arrivato a offrire fino a 60 milioni di euro. La Juventus, nell'estate degli addii di Bonucci e Chiellini, s'è sempre opposta alla sua cessione. S'è sempre rifiutata di sedersi attorno a un tavolo. Decisione accettata dall'ex Porto, che però da quel momento in poi ha cominciato a chiedere un rinnovo di contratto a cifre consone alle offerte rifiutate. Cioè, a cifre da top player.

E qui si arriva al nocciolo della questione. Alex Sandro vale un ingaggio da primo della classe? Uno stipendio di poco inferiore ai vari Dybala e Higuain? La Juventus alla luce di questi primi tre mesi ha più di qualche dubbio. Le certezze estive si sono tramutate in punti di domanda e adesso, a differenza della scorsa estate, l'eventuale cessione del brasiliano non è più un tabù. Anche a cifre leggermente inferiori rispetto a quelle rifiutate questa estate.