Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Stallo Milan, tanti nodi per il mercato

Stallo Milan, tanti nodi per il mercatoTUTTO mercato WEB
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews
venerdì 24 marzo 2017, 08:152017
di Antonio Vitiello

Il blocco legato al closing sta condizionando tante scelte di mercato del Milan. Lo stallo societario ha rallentato già il mercato invernale e per quello estivo ci sono diversi nodi da sciogliere. Si parte inevitabilmente dal rinnovo di Donnarumma che deve essere affrontato quanto prima, Gigio spera di rimanere ma vuole capire anche i progetti del club. Un Milan competitivo sarebbe stimolante per rimanere in rossonero, altrimenti le offerte non mancano e il City ha già chiesto informazioni a Raiola. Deulofeu e Suso sono altri due casi molto importanti. L’ex Everton è in prestito secco ma il Barcellona ha un diritto di recompra sui 12 milioni. I blaugrana potrebbero riscattarlo a giugno così il Milan andrebbe a trattare direttamente con Braida, ma servirebbero comunque sui 20 milioni per prenderlo definitivamente e nella situazione attuale non si possono prevedere budget per l’estate.

Suso invece aspetta di rinnovare già da dicembre, nei giorni scorsi il suo agente ha fatto il punto con il giocatore e ha fatto capire al ragazzo che dall’estero è molto considerato. Lo scopo di Suso è di prolungare ma le altre porte non verranno chiuse. Pure Pasalic è un caso da risolvere, così come i rinnovi di Paletta e Romagnoli, oppure la situazione di Ocampos (anche lui in prestito ma difficilmente resterà). Le attenzioni attualmente sono rivolte tutte alla vendita del club e questo rallenterebbe tutte le altre operazioni, il Milan non può permettersi un altro calciomercato a rallentatore, soprattutto se dovesse tornare in Europa.