Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW RADIO - D'Amico: "Borriello, Giovinco e Criscito sono da Nazionale"

TMW RADIO - D'Amico: "Borriello, Giovinco e Criscito sono da Nazionale"TUTTO mercato WEB
venerdì 30 giugno 2017, 16:572017
di Claudia Marrone
Archivio Maracanã 2017
TMW Radio
Archivio Maracanã 2017
Andrea D'Amico, agente di mercato, ospite nel pomeriggio di TMW radio
00:00
/
00:00

“Devo dire che i cambi di proprietà e allenatori daranno scosse anche sul mercato, è chiaro che ogni mister nuovo vuole squadre per poter vincere tutto, succederà a Inter, Roma e Fiorentina, che vedranno sicuramente cambiare qualche pedina”.

Esordisce così, all'interno del programma Pomeriggio Tmw Radio, Andrea D'Amico, agente di mercato, che parla poi in modo molto approfondito di Borriello:

“Borriello ha fatto un anno importante, ha avuto continuità e avrebbe persino potuto fare di più, ma si parla di un campione, nonostante i suoi 35 anni può ancora far vedere che quando si ha qualità e si sta bene fisicamente si può tranquillamente giocare: il suo sogno credo sia farsi trovare pronto per i Mondiali, quantomeno per mettere almeno un dubbio a mister Ventura. Al mondiale si deve andare con i giocatori più in forma, vanno attentamente selezionati perchè sono competizioni brevi, non si ha il tempo di allenarli”.

E su Criscito: “Criscito è molto contento di aver iniziato questa nuova avventura da capitano allo Zenit con Mancini, ma anche per lui vale lo stesso discorso fatto per Borriello. Lasciare a casa loro, così come Giovinco, sarebbe un errore troppo grave”.