Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW RADIO - De Carlo: "Inter, fare all-in senza soldi è politica discontinua"

TMW RADIO - De Carlo: "Inter, fare all-in senza soldi è politica discontinua"TUTTO mercato WEB
domenica 25 giugno 2017, 21:462017
di Dimitri Conti

Il direttore di Radio Milan Inter Lapo De Carlo è intervenuto ai microfoni di TMW Radio direttamente dalla festa cittadina di Gropina, per commentare le vicende più recenti dell'Inter: "Spero che Perisic resti. Ha talento e la capacità di prendersi le responsabilità nella partita, anche se quest'anno ha perso stimoli e si è fatto inglobare. A fine stagione ha salutato i tifosi con un cenno piuttosto evidente. A tutti è parso come un saluto. Negli ultimi anni si è dovuto fare di necessità virtù. Se i soldi non li hai e fai continui all-in a spendere, allora non è una politica continua che fa crescere la società, ma una visione sporadica che lascia debiti a libro paga. Sulla Primavera e i ragazzi che vengono su, ho dei dubbi: negli anni l'hanno dimostrato i vari Longo, Donati eccetera. L'Inter non è l'Udinese: arrivare ottavi è un disastro.

L'Inter è l'unica società ad aver cambiato tre presidenti in tre anni. La progettualità si fa con un allenatore che resti almeno tre anni, a prescindere dalla Primavera. I colpi più percorribili adesso sono Skriniar e Borja Valero. Il primo è un giovane che ha fatto la gavetta, il secondo garantisce rendimento e personalità. Poi penso che arriverà un nome che non si è mai fatto, in mezzo agli 84 accostati, che ho contato personalmente. L'Inter non fa le coppe, ma non le facevano neanche il Chelsea e lo United quest'anno. Serve un progetto serio, un allenatore conosciuto, di capire chi sei e cosa fai, per far venire i giocatori".