Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW RADIO - Di Carlo: “Napoli, no a Szczesny. Il futuro è di Skorupski”

TMW RADIO - Di Carlo: “Napoli, no a Szczesny. Il futuro è di Skorupski”TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
martedì 25 aprile 2017, 19:122017
di Marco Frattino

Gianluca Di Carlo, procuratore ed esperto di calcio polacco, ha parlato a TMW Radio in occasione della trasmissione 'A tutto Napoli', organizzata in collaborazione della redazione di Tuttonapoli.net.

Szczesny è il portiere ideale per il Napoli del futuro? “No, il portiere che sta dando più garanzie e che ha dimostrato di saper giocare in Serie A è Skorupski. La Roma punterà su Alisson, per questo l'attuale estremo difensore dell'Empoli dovrebbe salutare nuovamente la Capitale. Skorupski mi dà più garanzie, Szczesny è un grande portiere ma ha un problema: fa delle parate incredibili, poi commette un'ingenuità. Sbaglia la parata facile, per intenderci. Se il Napoli deve fare un investimento, gli consiglio Skorupski. Sarà quest'ultimo il titolare della nazionale polacca nel giro di poco tempo”.

La Roma può davvero cedere un portiere come Skorupski al Napoli? “Con l'arrivo di Monchi, tante cose possono cambiare. Noi facciamo i ragionamenti con la gestione sportiva di Sabatini, adesso può cambiare tutto. Prima si puntava su Alisson, adesso si potrebbe puntare su Skorupski. Un portiere simile non resterà ancora a Empoli, per me è il migliore del campionato italiano”.

Szczesny, però, è maturato molto a Roma. “Certo, ma il calcio è fatto anche di altre variabili. Molto dipende anche dalla volontà del tecnico e della dirigenza, Skorupski al momento sta facendo bene mentre Szczesny è il solito da un paio di anni. Può migliorare sull'affidabilità, mentre vedo Skorupski molto tranquillo anche dal punto di vista privato. Queste piccolezze possono fare la differenza”.

Szczesny, però, ha più esperienza internazionale. “Sicuramente, però è un figlio d'arte. Suo padre vinse quattro-cinque campionati di fila in Polonia, mentre suo figlio è arrivato in Inghilterra a dodici anni. Skorupski viene da una scuola diversa, io al momento punterei a occhi chiusi sul portiere dell'Empoli”.

Zielinski e Milik, invece, sono destinati a fare la storia del Napoli. “Conosco Milik da quando ha sedici anni, gli mandai gli auguri quando si infortunò al ginocchio. In Italia non ha ancora mostrato il proprio potenziale, ma è destinato a esplodere tra le file del Napoli. Sono certo che Milik sarà uno dei pezzi pregiati del Napoli del futuro, come Zielinski”.

Intanto la Federazione polacca insiste per averli nell'Europeo Under 21 della prossima estate. “La Federazione ritiene di avere una squadra molto forte, con Milik e Zielinski si può puntare a vincere la competizione che sarà giocata proprio in Polonia. Però molto dipenderà anche dal piazzamento del Napoli in campionato. Il terzo posto in Serie A, con il relativo playoff in Champions, potrebbe creare qualche problema”.