Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW RADIO - Jacobelli: "Spalletti, basta recite. Juve, Allegri farà la storia"

TMW RADIO - Jacobelli: "Spalletti, basta recite. Juve, Allegri farà la storia"TUTTO mercato WEB
domenica 19 marzo 2017, 20:442017
di Dimitri Conti

Xavier Jacobelli, editorialista de Il Corriere dello Sport ha parlato ai microfoni di TMW Radio a proposito della giornata di Serie A e di altri temi legati al massimo campionato: "La Juve ha dato una dimostrazione di forza dopo le vicissitudini societarie, e questo penso che le darà una grande forza in vista del doppio confronto con il Napoli. La squadra di Allegri ha una supremazia tecnica assoluta, ed anche il calo del Napoli penso che, insieme ai tanti punti perse con le piccole, spieghino il divario. Un peccato per la Fiorentina che si siano svegliati tardi. L'Atalanta invece, grazie al suo capitano Gomez, ha infranto ogni record, ed anche l'argentino lo stesso a livello personale. Hanno ancora 27 punti... La Roma ha fallito i vari traguardi, non mi risulta che il Lione valga il Real o il Barcellona.

Io fossi in Spalletti mi preoccuperei di queste cose, non delle recite di teatro. Penso che la Roma possa pensare ad un prossimo allenatore dopo Spalletti, che riesca a vincere qualcosa. Allegri ha un rendimento fantastico e si avvicina a un record storico. La storia della Juventus potrebbe portare la firma di Allegri nella sua storia. Nessuno ha mai vinto sei Scudetti consecutivi. Mazzone manca a un calcio come questo nel quale Lotito cerca di rientrare dalla finestra della Federazione diventando presidente della Lega B".