Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

TMW RADIO - Vitale: “Gigio rinnova. Pellegri-Salcedo, mi fido dell'Inter"

TMW RADIO - Vitale: “Gigio rinnova. Pellegri-Salcedo, mi fido dell'Inter"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 30 giugno 2017, 06:522017
di Marco Frattino

Pino Vitale, ex ds dell'Empoli, ha parlato attraverso le frequenze di TMW Radio.

Giusto, per l'Inter, puntare su Pellegri e Salcedo? “Sabatini ha l'occhio lungo sui giovani, come ha fatto in passato con Marquinhos. Sono calciatori di grande prospettiva, come Conti che ha fatto benissimo e vale 25 milioni. Secondo me Gagliardini è stato sopravvalutato. Quando uno ha la fortuna di avere in casa un calciatore di grande prospettiva, ovviamente se lo fa pagare. Sabatini è tra i più bravi e preparati nel mondo del calcio, vuol dire che punta molto su questi due elementi”.

Cosa pensa sul caso Donnarumma? “Raiola è abituato a fare queste cose, probabilmente è d'accordo con qualcuno. Se avesse voluto far firmare Donnarumma, l'avrebbe fatto in passato a 2,5 milioni di euro. Ma Mino è abituato a dire 'aspettiamo' ed è abituato a sottrarre calciatori ai club. Donnarumma ha 18 anni e vuole 5 milioni di euro, non sono pochi. Tra cinque anni può decidere di andare dove vuole oppure il Milan può cederlo tra un anno. Andare via così, perché il calciatore prende qualche soldo in meno, non è molto bello. Guadagnare otto milioni o cinque è diverso, sì, ma anche cinque milioni sono tanti. Secondo me, alla fine, rinnoverà col Milan”.

Quale futuro per la Fiorentina? “Vivo a Firenze, sono fiorentino e sono fortunato per questo aspetto. Le grandi famiglie non mettono tanti soldi nel calcio, i Della Valle sono imprenditori importanti e meglio non si può avere. Ma, senza di loro, si gioca comunque al calcio. Bisogna decidere se costruire una squadra da quarto o sesto posto, oppure se chiudere col bilancio in parità e allora si giocherà sempre per una posizione tra il quinto e il decimo posto. La proprietà deve decidere se fare investimenti, non è bello essere offesi o contestati. Firenze e la Fiorentina si possono vendere nel mondo, a chi vogliono. Ad americani, cinesi o a chi vogliono perché loro vivono in un mondo in cui conoscono persone importanti”.

L'Empoli ha divorziato da Carli, cosa ne pensa? “Sono rimasto male, perché Carli è un ottimo dirigente. Sa fare calcio. Ma Corsi ha preso un'altra strada, amareggiato da una retrocessione inaspettata. Ha deciso di cambiare tutto, d'altronde l'ha fatto altre volte. Carli conosce il calcio, lo sa fare. Corsi sarà stato consigliato da qualcuno vicino, in modo tale da cambiare tutto. A Empoli si può fare calcio anche perché c'è una dimensione familiare, ora mi sembra che si stia andando su una strada particolare”.

Bernardeschi è da Juventus? “Ha dimostrato che può maturare molto, per me non sarebbe titolare della Juventus ma può diventare fortissimo. Ha grande qualità, leggo che i bianconeri potrebbero investire 35-40 milioni. Anche Chiesa, però, è forte”.