Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Udinese, Delneri: "Italia? Speriamo ci sia la volontà di cambiare"

Udinese, Delneri: "Italia? Speriamo ci sia la volontà di cambiare"TUTTO mercato WEB
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
sabato 18 novembre 2017, 13:002017
di Luca Bargellini

"E' un dispiacere feroce quello che ci ha toccato. Come insegna il calcio però, dalle grandi sconfitte si può solo fare meglio. Dispiace perché dopo 60 anni, siamo rimasti fuori. Se questo serve a crescere, andiamo avanti. Io osservo anche l'Olanda, che è rimasta fuori ma che ha fatto la storia. Bisognerà prendere atto e mi dispiace per l'allenatore e per i ragazzi che sono usciti. Mi dispiace perché penso che abbiano dato il massimo. In altri posti avrebbe fatto meno male l'eliminazione, l'importante è che ci sia la volontà e la forza di cambiare e migliorare. Non dobbiamo cambiare solo singolarmente ma strutturalmente. Dobbiamo dare la possibilità ai giocatori di crescere prima. Non penso che sia solo un problema calcistico, ma generale.

Adesso i bambini hanno spazi ristretti. Abbiamo bisogno di dinamiche che permettano a tutti di crescere, come dare più spazio allo sport nelle scuole. Creiamo situazioni scolastiche dove i bambini possano stare a scuola per fare sport. Siamo poco militarizzati in questo. I miei colleghi che hanno allenato all'estero mi hanno detto che l'applicazione negli allenamenti è più feroce. Da noi si guarda alla fantasia. Dobbiamo fare entrambe le cose. Dobbiamo copiare l'Italia del passato e non il Barcellona. Il calcio italiano ha una base importante, con giocatori che hanno la cultura di lavoro italiano. Va modificato dall'interno per migliorare tutto il movimento. Questo risultato speriamo che possa essere un fattore per un grande rinnovamento", questo il pensiero di Luigi Delneri, tecnico dell'Udinese, sul tema della Nazionale esclusa dal prossimo Mondiale.