Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Arezzo, la rabbia di Cutolo: "Presi in giro da Matteoni"

Arezzo, la rabbia di Cutolo: "Presi in giro da Matteoni"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico Gaetano
martedì 20 febbraio 2018, 16:492018
di Ivan Cardia

Arezzo allo sbando: gli amaranto vivono una situazione molto complicata, con tanta incertezza sul futuro. Della avventura di Matteoni ha parlato a tuttoc.com l'attaccante Aniello Cutolo "Si è presentato il giorno del passaggio delle quote e poi, negli ultimi dieci giorni, non si è visto più. Prima veniva a prenderci in giro dicendo che sarebbe andato avanti anche da solo. Quando son venuti a mancare i vari pezzi come Zavaglia, gli abbiamo domandato come mai non ci fossero più e lui ci ha risposto che l'aveva fatto perché stava per subentrare un imprenditore aretino. L'ultima volta l'abbiamo visto durante la partita in casa contro il Piacenza. Quel giorno ha dichiarato alla stampa di voler mollare mentre a noi ha detto che sarebbe andato avanti fino a giugno. Gli abbiamo chiesto spiegazioni e ci ha risposto che quelle dichiarazioni pubbliche servivano per smuovere l'ambiente.

Ci ha illuso anche sulla possibile creazione di uno stadio e di un nuovo centro per il settore giovanile. Da lì è scomparso e ha avuto solo qualche contatto telefonico con dei compagni di squadra raccomandandoci di stare sereni fino al 16 gennaio. Fino a qualche ora prima continuava a prenderci in giro, parlando del fondo inglese ma lì ho capito che era tutta una bufala. Semplicemente la forza della disperazione ci ha fatto credere in lui. Purtroppo in quei giorni era la nostra unica speranza. Adesso, invece, siamo completamente soli: lui è sparito e non credo lo rivedrò più ad Arezzo. Inizio a pensare che sia stato tutto programmato".