Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Bari, Kozak: "Sto dimenticando gli infortuni, cruciale il finale di stagione”

Bari, Kozak: "Sto dimenticando gli infortuni, cruciale il finale di stagione”TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
domenica 18 marzo 2018, 16:042018
di Rosa Doro

Libor Kozak, ospite a SportItalia alla trasmissione Speciale Serie B ha parlato della sua avventura al Bari: "Per colpa degli infortuni ho perso due anni e mezzo che mi sono serviti per uscire da questo incubo. Ci vuole un po’ per trovare la forma ideale, ma sono contento perché il Bari mi ha dato fiducia".

Lo 0-0 di Cittadella?
Un buon pareggio. Qualche occasione l’abbiamo avuta, così come il Cittadella, e il risultato è giusto. È un punto su un campo difficile, ora bisogna recuperare tutti i punti persi nelle giornate precedenti. Con la Pro Vercelli abbiamo perso 2 punti nel finale, anche oggi potevamo fare qualcosa in più. Sicuramente dobbiamo crescere per arrivare a un finale di campionato preparati.

Il Palermo?
"Sarà importante come si arriva al finale di campionato. Hanno fatto bene fino ad oggi, sicuramente avrebbero voluto avere qualche punto in più, ma il momento cruciale deve ancora arrivare. Io ci credo a una possibile rincorsa, le partite sono tutte difficili ma ci sarà da giocare anche uno scontro diretto. Sarà dura, ma ci crediamo".

Il nostro attacco?
"Siamo in tanti e c’è molta concorrenza. Ci sono grandi calciatori come Brienza, Nenè e Floro Flores. Noi dobbiamo segnare di più e il mister sta provando chi è più in forma. Ci prepariamo per questo importante finale di stagione".

Il campionato di B?
"È ancora più fisico rispetto a quando giocavo io. È un campionato dove tutti possono perdere o vincere con tutti. Per vincere conta molto la testa, la condizione e il coraggio, oltre alla qualità.

Henderson e Anderson?
"Sono due grandi colpi del direttore Sogliano, Henderson in prospettiva può crescere moltissimo”.