Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Daino: "Milan, Biglia fondamentale. Suso, momento no"

Daino: "Milan, Biglia fondamentale. Suso, momento no"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
giovedì 20 dicembre 2018, 19:152018
di Lorenzo Di Benedetto

Intervenuto a RMC Sport durante la trasmissione Milan News, l'ex giocatore rossonero, Daniele Daino, ha dichiarato: "Contro il Bologna stata una partita deludente, ha deluso tutti, compreso Gattuso e i dirigenti. Anche Rino in conferenza stampa ha dichiarato che il Milan ha fatto il solletico al Bologna. Era una partita importante, il rossoneri sapevano i risultati delle altre e c'era la possibilità di allungare sulla Lazio. Il Bologna era in difficoltà, si è chiuso tutto in difesa".

Sul momento del Milan: "Gattuso sta lavorando in piena emergenza e ovviamente non è semplice. Si sente tanto la mancanza di Biglia, cioè l'unico centrocampista in grado di palleggiare e cambiare i tempi del Milan. Bakayoko e Kessie stanno facendo bene, ma in partita contro squadre che si chiudono in difesa come il Bologna servono giocatori di qualità in grado di inventare qualcosa. Suso non è in un grande momento, poi adesso gli avversari non lo lasciano più libero come prima. Tutti gli allenatori sanno che se blocchi lo spagnolo metti in difficoltà i rossoneri. Vediamo cosa arriverà dal mercato, al Milan manca fantasia".

Sulle difficoltà dei rossoneri: "Io penso che il Milan abbia un'ottima base, è vero che non c'è grande qualità da centrocampo in su a parte Higuain, ma per fare il salto di qualità basterebbero due fantasisti, cioè quei giocatori che ti possono cambiare la partita da un momento all'altro. Il Milan è una squadra di operai dove tutti fanno il proprio compitino, ma purtroppo non basta".