Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Frosinone, Baroni e il 4-2-3-1: "Il modulo non è la priorità adesso"

Frosinone, Baroni e il 4-2-3-1: "Il modulo non è la priorità adesso"TUTTO mercato WEB
© foto di Insidefoto/Image Sport
mercoledì 19 dicembre 2018, 13:452018
di Ivan Cardia

Marco Baroni allenatore da difesa a quattro? Nel corso della conferenza di presentazione del nuovo tecnico del Frosinone, gran parte dell'attenzione è stata rivolta al modulo con cui i ciociari andranno in campo: "L'allenatore spesso deve avere la capacità di capire velocemente quali sono le attitudini migliori dei calciatori e le interpretazioni del sistema di gioco. Questa squadra ha una genetica, io sicuramente farò qualcosa, piccole cose, per cambiare. Ma non è il sistema di gioco quello su cui bisogna lavorare. Da parte mia ho già giocato a tre in altre esperienze, con la Primavera della Juve ho vinto la Coppa Italia, non è questo il tema di discussione".

Lei predilige la difesa a quattro, seguirà gli schemi che ha in mente o si adatterà?
"Adattare è una parola brutta. Io voglio cercare di ottenere il massimo dagli interpreti, cioè i calciatori. L'allenatore non ha un sistema di gioco, in alcune esperienze io sono sempre subentrato, penso a Novara o Benevento, in cui nonostante si parlasse di squadre neopromosse abbiamo fatto rispettivamente semifinale playoff e promozione in A. Non voglio fare pretattica, ma l'aspetto tattico non è quello su cui ci sarà l'attenzione. Ci sarà da fare qualche piccola correzione, ma per quello che ho visto da casa in questo momento sono rimasto colpito dallo stadio. E sono rimasto colpito dallo stemma, dobbiamo mettere in campo la ferocia che richiama il gonfalone, la Serie A è terribile e abbiamo bisogno di tornare ad avere entusiasmo, vigore, convinzione, mai domi, mai vinti. Io cercherò di trasferire più velocemente possibile queste caratteristiche".