Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Finalmente Milinkovic-Savic

Finalmente Milinkovic-SavicTUTTO mercato WEB
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
sabato 22 dicembre 2018, 15:152018
di Simone Bernabei

"Milinkovic-Savic in panchina? No, sta lavorando bene ed è sulla strada giusta". Con questo pensiero il tecnico della Lazio Simone Inzaghi aveva liquidato una domanda circa il possibile turno di stop per il centrocampista serbo, autore di un inizio di stagione piuttosto sottotono. O quantomeno lontanissimo dagli standard dello scorso campionato. Ma Inzaghi, che in settimana segue Milinkovic sempre con un occhio di riguardo, sapeva il fatto suo. E il serbo, sostenuto dai compagni, ha sfoderato una grande prestazione fatta di tante piccole cose e un gol fondamentale per sbloccare il risultato della gara contro il Cagliari.
Un gol che ha probabilmente un significato ben più profondo del semplice dato statistico e che potrebbe dare il via ad un 'nuovo' campionato per il numero 21 biancoceleste.

Come dimostra l'emozione, sfociata in qualche lacrima, un secondo dopo aver sparato il pallone alle spalle di Cragno. In quell'esternazione emotiva, infatti, erano presenti tutta la rabbia e i bocconi amari mandati giù negli ultimi mesi. Quando critica e tifosi avevano (giustamente) attaccato un giocatore che ha comunque sempre mantenuto la fiducia del proprio allenatore. E dopo la rete Milinkovic si è definitivamente sciolto, lasciando da parte paure ed errori in favore di corsa, qualità e tanta tanta fisicità. Peculiarità che, almeno in parte, hanno permesso di rivedere il giocatore devastante della scorsa stagione.