Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Russia 2018 - Svezia, solidità e povertà. E zero fantasia

Russia 2018 - Svezia, solidità e povertà. E zero fantasiaTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
mercoledì 28 marzo 2018, 13:002018
di Andrea Losapio

Dodicesima presenza per la Svezia, carnefice dell'Italia nell'ultimo spareggio, mai vincitrice ma con un secondo e due terzi posti nella propria storia. Una squadra quadrata che ha goduto dell'assenza di Zlatan Ibrahimovic, vero accentratore della manovra ma che, senza di lui, è riuscito a ritornare al Mondiale dopo un'assenza di dodici anni.

Inserita nel gruppo F con Messico, Germania e Corea del Sud, la Svezia potrebbe addirittura passare il turno, così come fare 0 punti. La sfida con i tedeschi appare impossibile da sostenere, mentre con centramericani e asiatici il problema sarà quello di mantenere una qualità di gioco accettabile: paradossalmente contro squadre migliori la Svezia è più compatta.

L'ALLENATORE - Janne Andersson - Tecnico scolastico ma efficace, non ha mai raggiunto grandi livelli né da giocatore né da allenatore. Ha vinto un campionato svedese con il Norrkoping, nobile decaduta portata alla vittoria dopo 26 anni di sabbie mobili. Il suo 4-4-2 è classico, impostato sul sacrificio e su una mancanza di tecnica e fantasia che, però, risulta molto solido, pur con giocatori molto inferiori rispetto agli avversari.

LA STELLA - Emil Forsberg - Fantasista del RB Lipsia, ha in mano le chiavi della manovra offensiva, oltre che del centrocampo. Molto elegante, ricorda in alcune movenze Laudrup, soprattutto per la capacità di correre con testa alta, oltre a non essere innamorato del pallone, facendo quasi sempre la cosa giusta.

IL PERCORSO -
Svezia-Olanda 1-1
Lussemburgo-Svezia 0-1
Svezia-Bulgaria 3-0
Francia-Svezia 2-1
Svezia-Bielorussia 4-0
Svezia-Francia 2-1
Bulgaria-Svezia 3-2
Bielorussia-Svezia 0-4
Svezia-Lussemburgo 8-0
Olanda-Svezia 2-0
Svezia-Italia 1-0
Italia-Svezia 0-0

POSIZIONE - 20.

OBIETTIVO - Passaggio del turno.

AVVERSARI - Germania, Messico e Corea del Sud.

FORMAZIONE (4-4-2) Olsen; Lustig, Lindelof, Granqvist, Olsson; Claesson, Larsson, Svensson, Forsberg; Toivonen, Berg.