Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Sorteggio CL: Roma, chi pescare e chi evitare dall'urna di Nyon?

Sorteggio CL: Roma, chi pescare e chi evitare dall'urna di Nyon?TUTTO mercato WEB
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
lunedì 17 dicembre 2018, 10:152018
di Marco Conterio

Barcellona 5 stelle: Lionel Messi. Serve aggiungere altro?

Manchester City 5 stelle: In panchina, Pep Guardiola. Il record di punti nell'ultima Premier League. L'ambizione matta di fare qualcosa dopo anni di fallimenti anche in Europa. Il Manchester City è di fatto l'altra grande favorita insieme a Barça, Real Madrid e Juventus. Ben più che da evitare.

Paris Saint-Germain 4 stelle: meno di Barça e City perché la Ligue 1 è meno probante della Liga e della Premier League. Un vecchio adagio, sì, ma Neymar e Kylian Mbappé è meglio perderli che trovarli agli ottavi di Champions League.

Bayern Monaco 3 stelle: è per una stagione non proprio ottimale che i bavaresi hanno perso una stella. Perché hanno sì un undici compatto ed esperto, ma in Bundesliga prendono paga dal Borussia Dortmund e stanno mostrando poco feeling col nuovo tecnico Kovac.

Borussia Dortmund 3 stelle: le stesse stelle del Bayern Monaco. Dipendono da una generazione di fenomeni, Sancho e Pulisic su tutti, ma da una rosa che sta dominando la Bundesliga agli ordini di Favre. Certo, meglio il BVB del Barça, del City o del Porto. Ma guai a considerarli abbordabili.

Porto 1 stella: senza giri di parole. E' la prima che tutti sognano e aspettano. Che ha vinto un girone ben più che abbordabile, che è la squadra non certo 'facile' ma di lignaggio e qualità diversa dalle altre papabili.