Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Il rilancio di Alex Sandro. E' ancora in vendita?

Il rilancio di Alex Sandro. E' ancora in vendita?TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
lunedì 19 febbraio 2018, 13:002018
di Raimondo De Magistris

A metà dicembre sembrava quasi un corpo estraneo al progetto. Una prima parte di stagione non all'altezza delle aspettative e la certezza che la Juventus, dinanzi alla giusta offerta, l'avrebbe ceduto già a gennaio. Quasi col rimpianto di non averlo già fatto la precedente estate.
Mesi difficili, quasi surreali quelli trascorsi lo scorso autunno da Alex Sandro, migliore in campo ieri nel derby di Torino al pari di Bernardeschi. Settimane trascorse senza nemmeno la certezza di un posto da titolare e con la consapevolezza di poter fare molto di più. Settimane che ormai sembrano abbastanza lontane perché nel 2018 il brasiliano è tornato il giocatore che ha entusiasmato in tutta la passata stagione. Eccezione fatta per la gara contro il Tottenham, in cui tutta la Juventus non ha brillato, l'ex Porto ha ritrovato la continuità perduta e ieri schierato alto a sinistra nell'attacco a tre ha risposto alla grande, realizzando il gol decisivo e fornendo una prestazione convincente.

Nonostante ciò, il suo futuro resta un rebus. La trattativa per il rinnovo del contratto è giunta a un punto morto e senza il nuovo accordo praticamente scontato il suo addio in estate. Prima della trattativa Roma-Chelsea, i bianconeri avevano anche individuato in Emerson Palmieri il sostituto ideale. Adesso ci sarà la necessità di guardare altrove, a meno che la società non cambi idea perché offerte da 40-45 milioni in estate non tarderanno ad arrivare. La palla passa Agnelli e Marotta: rinnovo o cessione?