Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, Antonello: "Colpi alla CR7? Magari nel medio-lungo termine"

Inter, Antonello: "Colpi alla CR7? Magari nel medio-lungo termine"TUTTO mercato WEB
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
martedì 18 dicembre 2018, 20:452018
di Gaetano Mocciaro

Alessandro Antonello, amministratore delegato coroporate dell'Inter, ai microfoni di Sky: "L'annata 2018 si è chiusa in maniera positiva, con un bilancio in crescita. A livello sportivo abbiamo raggiunto e giocato la Champions League. Ora siamo terzi in campionato, c'è una competizione come l'Europa League a cui puntare. Il progetto societario prosegue e lo guardiamo con positività".

Cosa ha portato Marotta? "Ha portato la sua esperienza e col suo aiuto si possono colmare dei gap che si hanno con altre realtà e collaborando speriamo di portare l'Inter in alto".

C'è adesso la possibilità di avere più libertà in sede di mercato? "Sì, libertà ma nel rispetto dei paletti del Financial Fair Play. L'obiettivo è quello di avere una società sostenibile e raggiungere gli obiettivi sportivi che sono fondamentali per il club".

Questa Inter ha la forza di fare un investimento come quello della Juventus con Cristiano Ronaldo? "Non a breve termine sicuramente. Colpi di questo tipo possono essere fatti dal momento in cui la linea di crescita dei ricavi ha raggiunto un livello tale per cui si possono sostenere certi investimenti. Per cui nel breve termine sicuramente no, ma nel medio-lungo sì. Messi? Se non smette di giocare, magari (ride, ndr)"

Come colmare il gap con la Juventus?"Il gap con la Juve fondamentalmente arriva da due elementi, il primo è lo stadio di proprietà e sotto questo aspetto abbiamo aperto un tavolo tecnico col Milan, se riusciamo a sviluppare un progetto serio su San Siro possiamo aumentare i ricavi. Dall'altro la partecipazione alla Champions League in maniera continua, magari superando i primi turni riusciremo a crescere di fatturato e chiaramente tutti gli sponsor rimarranno attratti se le prestazioni sportive cresceranno nel tempo".

A che punto è la questione stadio? "In questo momento ci siamo sentiti, stiamo lavorando per raccogliere tutti gli elementi necessari per arrivare a una definizione progettuale che può essere o la ristrutturazione di San Siro o la costruzione di un nuovo San Siro. In questo momento è un po' presto, lasciamo lavorare le persone, appena possibile tireremo le somme e prenderemo una decisione".