Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, Ausilio: "Undici finali per la Champions, non possiamo fare errori"

Inter, Ausilio: "Undici finali per la Champions, non possiamo fare errori"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
domenica 18 marzo 2018, 12:162018
di Fabio Tarantino

Piero Ausilio, direttore sportivo dell'Inter, è intervenuto a Premium Sport: "La Champions passa anche da Genova, saranno undici partite importanti, non possiamo permetterci di sbagliare nulla. Andremo avanti senza calcoli".

L'Inter vuole Torreira? "Il presidente Ferrero è un amico, ma abbiamo già lavorato con la Sampdoria. Ogni tanto si devono accontentare (ride, ndr)...".

Non è che in realtà state preparando qualcosa con la Samp? "Ripeto, ho un affetto particolare per Ferrero. Da quando è entrato nel calcio c'è un feeling di amicizia, rispetto e stima. Non per forza bisogna parlare di mercato".

Era all'Olimpico per vedere Bernard? "Hanno parlato anche di cene, ma ero lì semplicemente per una partita di Champions, e sono stato felice per la Roma. Capiterà anche in futuro, tifiamo per le italiane. Non c'è nessun interesse di mercato dietro...".

Ma Bernard le piace? "Ci sono troppi svincolati a giugno, bisogna stare attenti a fare quello che serve all'Inter. Bernard è un ottimo calciatore ma ne abbiamo già tanti in rosa. Possiamo migliorare la squadra ma non perdiamo di vista la qualità dei nostri calciatori".

Lo sfogo di Spalletti sulla qualità della rosa: cosa ha pensato? "Nulla di particolare, perché non era uno sfogo, semplicemente una presa di coscienza. Di fronte c'erano due squadre diverse: il Napoli esalta le sue qualità tecniche, ma Spalletti parlava generalmente. Sto con lui tutti i giorni, quando parla di qualità so che si riferisce anche alla mentalità, alla forza di stare in una partita".

Firma vicina per De Vrij? "Di altri calciatori non parlo, abbiamo anche Miranda e Skriniar...".