Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, l’oroscopo non ha dubbi: sarà l’anno del Toro

Inter, l’oroscopo non ha dubbi: sarà l’anno del ToroTUTTO mercato WEB
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
giovedì 27 dicembre 2018, 07:152018
di Gianluigi Longari

L’anno del Toro. E non c’entrano previsioni astrali di nessun genere e tipo. È semplicemente l’analisi più naturale sul futuro prossimo dell’Inter, in un destino che non può che essere contrassegnato dall’influenza sempre più evidente di Lautaro Martinez. Se il numero 10 è stato tenuto (troppo) spesso in naftalina in questo avvio di stagione, lo scontro diretto con il Napoli ha lasciato intendere che un futuro ad alto livello per la squadra nerazzurra non possa prescindere dall’utilizzo del potenziale al completo della linea avanzata di cui Spalletti dispone. Del resto, nel momento in cui il talento più fulgido del Sudamerica doveva decidere la squadra del suo destino europeo, in casa Inter furono chiari nel descrivere un quadro che avrebbe dovuto comprendere nello stesso reparto le qualità del talento scuola Racing e di Mauro Icardi. Due attaccanti che possono coesistere e che nello stesso undici potrebbero comporre una coppia potenzialmente distruttiva per le difese avversarie.

Un esperimento che in estate ha incantato e che nella stagione non ha avuto praticamente mai modo di essere perfezionato. Una scelta che non ha pagato, risultati alla mano, ma che Spalletti deve necessariamente rivedere se la volontà è quella di puntare verso il massimo possibile, identificato da Marotta con la conquista di almeno un trofeo tra quelli ancora disponibili. Intanto il Meazza, che di campioni se ne intende, ha identificato il talento al quale affidare i propri sogni a breve e lunga scadenza. È tempo che le alchimie tattiche in nome dell’equilibrio lascino spazio a chi può infiammare quello che resta della stagione nerazzurra. Il tempo di Lautaro Martinez non può più attendere.