Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, Spalletti: "Momento no, ci gira tutto contro. Avanti a lavorare"

Inter, Spalletti: "Momento no, ci gira tutto contro. Avanti a lavorare"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
sabato 17 febbraio 2018, 23:312018
di Rosa Doro

Dopo la sconfitta subita in casa del Genoa, il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti è intervenuto ai microfoni di Premium Sport:

Inter fragile?
"Quando ti succedono episodi del genere alla fine del primo tempo non è che attraversando questo periodo riesci a ricavarne la fiducia, siamo rientrati cercando di fare la partita, per farlo ci vorrebbe più equilibrio, più tranquillità nel gestire la palla ma non riusciamo a farlo con la qualità che si dovrebbe fare e poi in mezzo episodio veniamo puniti perché la tranquillità che ti manca fa sì che ti giri tutto contro".

Può tornare la serenità?
"La squadra non ha fatto una brutta prestazione, ha fatto come doveva fare, aspettando l'episodio per prendersi il vantaggio. Un episodio è capitato magari due ma poi c'è stata questa autorete che ci ha creato problemi, bisogna crescere di volta in volta, è difficile uscirne di getto, bisogna stare sul pezzo per far si che la tua determinazione ti premi. Ci vorrà un po' di tempo? Dipende da come girano gli episodi durante la gara, servono quelli a favore e non quelli a sfavore come oggi".

Sul possesso palla?
"In alcuni momenti perché puoi si può girare in maniera più tecnica, per far correre gli avversari, ci vuole precisione, se la giri lentamente e sei non preciso diventa difficile, nel secondo tempo meritavamo di più ma loro stavano vincendo e si sono abbassati volutamente perché non hanno grande velocità e si sono messi più comodi. Nel primo tempo non abbiamo fatto male, abbiamo fatto una gara di equilibrio, dovevamo alzare più il ritmo perché la gara aspettava la sterzata nel modo giusto ma c'è stata l'autorete che ha creato difficoltà perché siamo in un momento in cui la reazione diventa più difficile".

Che risposte ti ha dato la gara?
"Mi lascia sempre su quelle che sono le valutazioni fatte precedentemente, non è che ci sia stato un atteggiamento in cui la squadra ha mollato, ha sbagliato, ci sono stati episodi che hanno girato contro, non c'è che tornare a lavorare e non facendo discorsi sbagliati, ma credendo nelle potenzialità della squadra e nella possibilità di mettere le cose a posto perché ci sono tante partite, mettere le cose a posto vuol dire mantenere un livello di classifica e risultati che ci permettano di restare nelle prime posizioni".

Ma prima gli episodi erano a vostro favore?
"Noi abbiamo sempre fatto difficoltà ultimamente ma abbiamo lavorato in maniera corretta, non vedo una squadra che ha grandi difficoltà in un settore di campo, che prende tante occasioni da gol, anche stasera non ho visto tante occasioni concesse ma abbiamo avute le loro stesse occasioni, con Karamoh prima della mezzora abbiamo avuto la palla più importante della partita, prima dell'autorete non c'era stata alcuna situazione da gol, alcuna parata di Handanovic mentre Perin aveva fatto 3-4 interventi importanti".