Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, Spalletti: "Vittoria fondamentale. Nel '19 vogliamo una coppa"

Inter, Spalletti: "Vittoria fondamentale. Nel '19 vogliamo una coppa"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
sabato 29 dicembre 2018, 17:102018
di Andrea Carlino

A Sky Sport, dopo il match vinto contro l'Empoli, parla l'allenatore dell'Inter, Luciano Spalletti. Queste le sue parole: "Se non affronti le partite con la mentalità giusta diventano pericolose. All'inizio non siamo stati brillanti, nel secondo tempo siamo andati meglio, loro avevano speso tanto, dunque abbiamo preso il controllo della gara. Vittoria fondamentale per come è arrivata. Abbiamo un collettivo, devo aggiungere, che è molto forte e anche chi sostitusce chi non c'è fa bene".

"Keita?" Un ragazzo splendido, ha un modo di fare gioioso, bravo a parlare la nostra lingua. Ho trovato un'altra persona rispetto a quella che vedevo nella Lazio".

"2019?" Dobbiamo fare un campionato importante, un'Europa League importante, anche in Coppa Italia dobbiamo comportarci bene. Ci rimangono le altre due competizioni per alzare un trofeo. Già il campionato è andato, lo vincerà la Juventus. Noi, però, dobbiamo migliorare ancora".

Nainggolan in campo? Con lui in partita si alza il livello dell'intensità, del pressing. L'ho messo perché pensavo che mi potesse dare una mano. Si tratta di un nostro calciatore che gli vogliamo bene".

Martinez? "Lautaro è una punta centrale, e quando gli chiedi di fare rientri sul mediano perde le sue qualità, non è Keita che riparte da metà campo e fa 60 metri non facendoti recuperare. Per lui è più difficile, poi è bravo a determinare una scossa perché ha quelle qualità, è un ragazzo forte".