Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

La generazione d'oro iberica conquista il Sol Levante

La generazione d'oro iberica conquista il Sol Levante
© foto di J.M.Colomo
mercoledì 26 dicembre 2018, 10:302018
di Tommaso Maschio

Un pezzo della generazione d'oro spagnola (quella che per intenderci dal 2008 al 2012 ha messo in fila due Europei e un Mondiale) ha trovato nel Sol Levante l'ultimo palcoscenico in cui mostrare le proprie indubbie qualità tecniche: si tratta di David Villa (classe '81), Andres Iniesta (classe '84) e Fernando Torres (classe '84). I primi due, dopo la comune esperienza al Barcellona dal 2010 al 2013, si ritroveranno a gennaio al Vissel Kobe (dove gioca un'altra stella europea come Lukas Podolski) venendo da percorsi diversi: una vita il blaugrana per don Andres, giro della Spagna (Sporting Gijon, Real Saragozza, Valencia e Atletico Madrid) con puntate in USA (New York City) e Australia (Melbourne City) per El Guaje.

Destinazione diversa per El Nino che dopo aver chiuso la parentesi europea nel suo Atletico Madrid (321 presenze in due periodi divisi dalle esperienze con Liverpool, Chelsea e Milan) ha sposato il progetto Sagan Tosu dove ha messo a segno tre reti in 17 presenze, secondo miglior marcatore del club contribuendo alla sua salvezza.