Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Laureus Awards, Federer ancora il re. All’estero incantati dal Napoli

Laureus Awards, Federer ancora il re. All’estero incantati dal Napoli
mercoledì 28 febbraio 2018, 08:302018
di Lorenzo Marucci

Una vera goduria per chi ama tutti gli sport. I campioni di oggi e di ieri riuniti nello splendido scenario di Montecarlo (per l’occasione per qualche ora ricoperta di neve) in occasione dei Laureus World Sport Awards: c’è chi si stropiccia gli occhi nel rivedere da vicino Boris Bum Bum Becker e ripensa pensa ai suoi successi a Wimbledon (che servizio-bomba il suo con quel piegamento esagerato…) ma c’è pure chi si emoziona quando spunta Nadia Comaneci e ricorda i suoi leggiadri movimenti nella ginnastica artistica. Per non parlare di Michael Johnson, Mark Spitz,Edwin Moses (con i classici occhialoni con cui a volte correva), Sergej Bubka, Monica Seles, Martina Navratilova, Marvin Hagler. E poi anche Lewis Hamilton e Federer: quest’ultimo ha conquistato ieri sera due statuette al Laureus per la categoria sportivo dell’anno e ‘ritorno’ dell’anno. Lo svizzero, che negli anni scorsi aveva già ritirato quattro statuette, è diventato lo sportivo più premiato nella storia dei Laureus. Riconoscimenti anche per Serena Williams e per la Chapecoense, la squadra brasiliana riuscita a riemergere dopo il disastro aereo del dicembre 2016.
C’erano ovviamente tanti ex calciatori, autentiche leggende: Ryan Giggs, Figo, Gullit, Shevchenko, Del Piero, Raul, Totti accompagnato dalla moglie Ilary. Pronte, immediate le parole dell’ex capitano a difesa del tecnico giallorosso Di Francesco (“lo sosterremo, è un punto fermo del nostro club. E ci rialzeremo”).
A Montecarlo si parla tanto della sfida di Champions tra PSG e Real Madrid ma anche della serie A. E in fondo in molti all’estero sembrano voler spingere il Napoli verso lo scudetto.

Significative le frasi dell’ex madridista Raul, raccolte da RMC e Tuttomercatoweb: “Tifo per i miei amici spagnoli Callejon, Reina e Albiol, mi piacerebbe se vincessero loro”. Ancor più deciso l’ex del Barcellona Carles Puyol: “Sta giocando un gran calcio, sono felice che vengano fuori squadre che amano giocare a calcio. A loro i miei migliori auguri”. Perfino Gullit si sbilancia sul tema: “Sta facendo il massimo per vincere, giocano un calcio che piace e ci proveranno fino alla fine”. L’olandese non ha fatto mancare una stoccatina al suo Milan: “Ho provato a contattare tempo fa qualche dirigente ma nessuno mi ha mai risposto. E’ stato un dispiacere, anche perché prima era molto semplice stabilire un contatto”.
Ma ha fatto effetto soprattutto ammirare queste star l’una accanto all’altra, in posa per i flash dei fotografi, pur se non tutti sono piu’ in forma come un tempo. Il dato emerso nel corso della serata di galà è curioso e rende perfettamente l’idea di chi stiamo parlando. In quella maestosa sala ieri sera erano infatti riuniti idealmente 2955 gol.