Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Lazio, Inzaghi: "La prestazione c'è stata. VAR? Chiedete a Maran"

Lazio, Inzaghi: "La prestazione c'è stata. VAR? Chiedete a Maran"TUTTO mercato WEB
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
domenica 18 marzo 2018, 23:232018
di Andrea Piras

Il tecnico della Lazio Simone Inzaghi ha parlato ai microfoni di Rai Sport dopo il pari contro il Bologna: "I ragazzi penso che abbiano fatto la prestazione. Abbiamo avuto il 65% di possesso, dovevamo essere più bravi nella conclusione. C'è stato il gol ma siamo stati bravi a pareggiarla e forse avremo meritato di vincerla".

I cambi di Nani e Wallace?
"Penso che nell'intervallo ho tolto Nani per esigenze tattiche e Wallace perchè era già ammonito. Probabilmente non eravamo equilibrati nel primo tempo".

Lucas Leiva sta crescendo molto?
"E' dal 13 agosto che si è ambientato subito bene. E' un elemento importante per noi perchè nonostante sia arrivato da un altro campionato si è integrato subito con noi. E' un valore aggiunto".

Si perde qualcosa giocando in Europa?
"Giocando il giovedì si gioca il lunedì ma questa volta c'era la sosta di campionato. Al di là delle fatiche perdi alcuni elementi, è il rischio che si deve correre con le gare di Europa League e lo corriamo volentieri".

Il VAR?
"Bisognerebbe chiedere a Maran se è felice del VAR. Sul VAR mi sono espresso tempo fa. Per me il calcio non è più calcio perchè si sta troppo fermi. Probabilmente noi allenatori, addetti ai lavori e tifosi devono accettare a questa tecnologia che sta rallentando le partite e lo sta condizionando".

Chi teme di più fra Roma, Inter e Milan?
"Sono tutte grandi squadre. Prima di giovedì quella che temevo meno era il Milan perchè era in Europa League e adesso avrà un solo appuntamento a settimana. Se la giocherà fino alla fine perchè è forte. L'Inter ha un'ottima squadra con un ottimo allenatore, la Roma non ha giocato quanto noi ma ripeto è un rischio che prendiamo volentieri perchè vogliamo onorare l'Europa fino alla fine".

La difficoltà è gestire il doppio impegno o recuperare dopo 72 ore e scendere in campo?
"Le partite sono ravvicinate. La mia idea al risveglio era utilizzare Radu e Lulic e stamattina loro non riuscivano a scendere dal lettino per le botte che avevano preso. Nei gironi ho fatto diverse rotazioni poi andando avanti fai delle scelte che paghi poi quando vai in campo".