Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Legrottaglie: "Bologna-Milan nervosa. Pallone peserà tanto"

Legrottaglie: "Bologna-Milan nervosa. Pallone peserà tanto"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
martedì 18 dicembre 2018, 20:012018
di RMCSport Redazione

Nicola Legrottaglie, ex giocatore sia del MIilan sia del Bologna, a RMC Sport Live Show: "Entrambe hanno bisogno di far punti. Il Milan per consacrarsi al quarto posto in classifica e prendere respiro sia dalle altre sia dalla delusione europea. Il Bologna deve assolutamente fare punti perché sennò la situazione diventa molto delicata. Stasera il pallone peserà molto".

Come si lavora in uno spogliatoio in difficoltà come quello di Bologna?
"Ciò che è successo a Bologna in settimana non merita la nostra attenzione e non dobbiamo neanche parlarne. La contestazione quando è civile e sportiva ci sta, chi paga il biglietto può fischiare chi vuole ma il tifoso deve andare allo stadio per tifare la squadra e basta".

Il Milan in campionato sta facendo bene e Gattuso comunque è al quarto posto. Non sta facendo male?
"Sì e sta davanti a squadre come Roma e Lazio che si pensava potessero star davanti ai rossoneri. Invece il Milan, con i suoi problemi, è comunque in una buona posizione. Il Milan sta arrivando al livello che tutti quanti si aspettano. A Gattuso, in campionato, non si può dire niente".

Bologna, uno dei più grandi errori è stato quello di sottovalutare la cessione di Verdi?
"Credo che il Bologna sia stato costruito per salvarsi e non mi sorprende questa situazione. Secondo me era già un po' scritto che il Bologna avrebbe fatto questo campionato con Chievo, Empoli e Frosinone. Quindi Inzaghi sta facendo il possibile con la rosa che ha. Non sta facendo un disastro".

Stai aspettando una panchina all'estero o solo in Italia?
"Valuterei volentieri un'esperienza all'estero perché ho già potuto studiare il calcio fuori dall'Italia. Nel nostro paese non ci sono gli stessi valori che invece si possono ritrovare in altri campionati".

Cosa pensi di Daniele Rugani?
"E' un buono giocatore, sempre costante e chiunque vorrebbe avere un Rugani in squadra. Stiamo però parlando di una Juventus che si confronta con i migliori al mondo. Rugani potrà giocare qualche partita nella Juventus ma faccio fatica a pensare che possa diventare un titolare della Juventus".

Juventus, qual è l'aspetto che separa i bianconeri dalle altre?
"Personalmente mi dispiace vedere la Juve che vince così tanto mentre quando c'ero io si doveva arare e seminare il terreno in prospettiva futura. Però è stato bello anche il mio cammino. Sono fiero di aver potuto contribuire a costruire questa Juventus. Abbiamo ricostruito l'anima della Juventus".