Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

LIVE TMW - Giampaolo: "Oggi abbiamo perso non da Samp"

LIVE TMW - Giampaolo: "Oggi abbiamo perso non da Samp"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
domenica 18 marzo 2018, 15:052018
di Andrea Piras
fonte Dall'inviato al "Ferraris" di Genova

Sconfitta consente per la Sampdoria. Dopo il 4-1 di Crotone, i blucerchiati sono stati travolti 5-0 dall'Inter al "Ferraris". Fra pochi istanti Marco Giampaolo analizzerà la sfida in conferenza stampa. Segui la diretta testuale su Tuttomercatoweb.com.

Cosa è successo dopo l'Udinese?
"In queste due partite abbiamo dimostrato di non essere all'altezza del compito. Le aspettative non sono all'altezza della tara. Queste due gare le abbiamo perse non da Samp ma da squadra raccattata qua e là".

La Samp ha patito l'Inter?
"L'Inter ha fatto una grande partita. La Samp ha contribuito".

Quando il gioco si fa duro...
"E' un problema mentale. Quando un mese fa nominavo l'aspetto ludico intendevo divertirsi senza mettere davanti l'obiettivo. Stiamo arrivando al dunque e il dunque pesa. Non lo dico con rassegnazione ma con rabbia. Oggi doveva essere la partita del riscatto. In questo momento, della Samp sottolineiamo i limiti".

La sosta arriva nel momento giusto?
"Io penso di sì, anche se in questo momento una decina di giocatori andranno via per le nazionali. Io giocherei anche domani".

Qualcuno può avere la distrazione del mondiale?
"Io non penso che il calciatore faccia le cose per far male. Non sto dietro a loro. Magari qualcuno può avere un problema personale, io prendo atto di quello che è stato il gioco collettivo nelle ultime partite. Oggi non siamo stati né quadrati, né organizzati e né collettivi".

Bereszynski?
"E' un problema fisico".

I tifosi che hanno cantato possono essere, fra virgolette, un limite per una squadra che non riesce ad autoresponsabilizzarsi?
"Non penso. C'è un momento in cui devi fare il salto di qualità. C'è un momento dove passi dall'adolescenza all'essere uomo. Se non lo fai sei destinato a rimanere nel limbo. Io non ho i favori del pronostico perchè ci sono squadre più attrezzate. Io devo giocare con leggerezza sfidandoti, non che mi pesi. Perchè una squadra che fa 40 punti, vende i migliori poi l'anno dopo ne fa 48 e vende i migliori, l'anno successivo ancora quanti punti deve fare? Ditemelo voi. Per me allenatore e per me calciatore è una sfida perchè l'equazione 'vendo-miglioro la classifica' non esiste. Sennò viviamo in un altro mondo. E' quella la sfida anche per i calciatori. Se non capiamo questo, arriverà che l'anno prossimo vendiamo ancora i migliori e poi quanti punti dobbiamo fare? 70?".