Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, Gattuso: "Un pari come una sconfitta. Kalinic, mi dispiace"

Milan, Gattuso: "Un pari come una sconfitta. Kalinic, mi dispiace"TUTTO mercato WEB
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
lunedì 19 marzo 2018, 10:452018
di Pietro Lazzerini
fonte MilanNews

Queste le parole di Gennaro Gattuso a Milan TV al termine della vittoria per 3-2 contro il ChievoVerona: "Sono contento per questo risultato, ma prima in campo non lo ero. Avevamo tutto da perdere ed era una trappola, serviva una prestazione col coltello tra i denti. Ero agitato per il nostro giro palla lento e sapevo sarebbe uscita una gara così. Bravi noi a crederci cambiando anche modulo, ora riposiamoci che ne abbiamo bisogno. La difesa a 3? Avevo bisogno di gente che attaccasse, serviva fargli male. Un pareggio sarebbe stata una sconfitta, dovevamo vincere. Ho parlato con Riccio e ci siamo detti di andare tutti dentro, e sono contento. In questo momento, la squadra ha un carattere corretto e la giusta mentalità. Serve migliorare a livello fisico perché stiamo un po' calando.

Le parole dette a fine gara in cerchio? Ho detto loro che devono pensare a recuperare, di vivere bene la pausa con famiglia e fidanzate. Tutti stanno dando il massimo e con grande disponibilità. Mi dispiace il fatto di Kalinic ma questo è il calcio e da domani è un nuovo giorno. Ci mettiamo una pietra sopra e torniamo a farlo recuperare, abbiamo bisogno di lui al top. Sorpreso dalla squadra? Sì, ma perché sono bravi loro. Mettendoci a 3, avevo paura perché non l'avevamo mai più provata. Non abbiamo fatto casini e sono stati attenti sempre. Dobbiamo crescere nella gestione della palla, più veloci altrimenti si chiudono e ripartono".