Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Quanto mancano Castro e Pavoletti. Cagliari all'Olimpico con poche idee

Quanto mancano Castro e Pavoletti. Cagliari all'Olimpico con poche ideeTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
sabato 22 dicembre 2018, 16:002018
di Simone Bernabei

Il Cagliari, soprattutto il Cagliari del primo tempo contro la Lazio, non è sembrato la stessa squadra divertente e spensierata della prima parte di campionato. Merito di un'ottima Lazio, certo. Ma pure di una mancanza di idee ben marcata da parte dell'undici di Maran.
A cui tuttavia non mancano le attenuanti. Perché presentarsi all'Olimpico, campo storicamente complicato, senza il proprio attaccante principe e terminale offensivo di ogni azione è un handicap di non poco conto. Senza nulla togliere a Cerri, ovviamente.

Ma Pavoletti, per personalità ed esperienza, è altra cosa e dentro l'area di rigore (ma pure intorno) la sua assenza si è sentita parecchio. Così come, ma questa non è una novità, quella del Pata Castro. Il grave infortunio dell'ex Chievo, interprete perfetto del ruolo di raccordo fra centrocampo e attacco, ha 'rovinato' i piani del tecnico Maran che fin dall'estate aveva impostato il proprio gioco e lo sviluppo della manovra sull'asse Castro-Pavoletti. Senza di loro sono venute meno idee, imprevedibilità e pericolosità, come si è chiaramente visto nella sfida delle 12.30.
Il mercato di gennaio è alle porte e potrà regalare alternative in tal senso, soprattutto per quanto riguarda la sostituzione di Castro. Ma nel frattempo, per le prossime 2 partite, toccherà a mister Maran trovare soluzioni all'altezza della situazione.